Lestienne difende i francesi: "Quasi impossibile battere Federer, Nadal e Djokovic"



by   |  LETTURE 6172

Lestienne difende i francesi: "Quasi impossibile battere Federer, Nadal e Djokovic"

I Big 3 hanno monopolizzato il circuito maschile per oltre un decennio e mezzo. Roger Federer ha giocato pochissimo nelle ultime due stagioni, mentre Rafael Nadal e Novak Djokovic sono ancora sulla cresta dell’onda. Lo spagnolo e il serbo si sono aggiudicati i primi tre Major del 2022, dimostrando per l’ennesima volta come il ricambio generazionale sia un’autentica chimera.

Il 36enne maiorchino ha conquistato gli Australian Open e il Roland Garros, dovendo rinunciare alla semifinale di Wimbledon contro Nick Kyrgios per via di uno strappo agli addominali. Nole, dal canto suo, ha risollevato una stagione sottotono trionfando sui prati londinesi per la settima volta nella sua carriera.

Il 35enne di Belgrado si è così issato a quota 21 Slam, ad una sola lunghezza di distanza da Nadal. Difficilmente il ‘Djoker’ potrà volare negli Stati Uniti per disputare lo US Open, dato che il vaccino è un requisito obbligatorio per poter entrare nel Paese.

In una lunga intervista concessa a ‘Punto de Break’, il giocatore francese Constant Lestienne ha analizzato il dominio dei Big 3.

I Big 3 hanno dominato il circuito

“La gente non si rende conto di quanto sia stata ‘d’oro’ questa generazione.

Jo-Wilfried Tsonga, Gael Monfils, Gilles Simon e Richard Gasquet hanno fatto il massimo” – ha affermato Lestienne. “Abbiamo avuto 4-5 giocatori nella Top 20, non è detto che ricapiti nei prossimi anni.

Li conosco tutti quanti e sono ragazzi fantastici. Hanno avuto carriere incredibili e dobbiamo soltanto applaudirli. Come mi ha detto Simon, per vincere un torneo importante dovevi battere Roger Federer nei quarti, Rafael Nadal in semifinale e Novak Djokovic in finale, giusto per fare un esempio.

I miei connazionali si sono imbattuti in tre alieni, non c’è altro da aggiungere” – ha chiosato. In una recente intervista a ‘Talento a bordo’, Nadal ha parlato del futuro del tennis dopo i Big 3: “Le grandi star vengono sostituite dalle giovani leve, che a loro volta diventano star con il passare del tempo. Sono convinto che il tour sarà in buone mani dopo il nostro ritiro”.