"Non ho bisogno del tennis": Roger Federer spiazza tutti con le sue parole



by   |  LETTURE 11555

"Non ho bisogno del tennis": Roger Federer spiazza tutti con le sue parole

Un'intervista molto interessante per dare una visione più chiara del suo futuro dopo il tennis. Al termine dell'edizione 2022 di Wimbledon, a cui non ha partecipato per continuare la sua ripresa dal lunghissimo infortunio, Roger Federer ha parlato col quotidiano olandese Algemeen Dagblad.

"Se non sei più competitivo, allora è meglio smettere. Non credo di aver bisogno del tennis. Sono felice delle piccole cose, come quando mio figlio fa qualcosa di giusto e quando mia figlia torna a casa con un buon voto.

Il tennis non è la mia intera identità. Voglio continuare ad avere successo e mettere molta energia negli affari, probabilmente dando più di quanto dovrei a volte, ma questo può essere fatto anche al di fuori dello sport.

So che una carriera professionale non può durare per sempre e va bene così" ha commentato il campione svizzero.

Le sue parole

Il 40enne ha proseguito esprimendo le sue sensazioni di non aver disputato il torneo londinese: "Quest'anno è stato molto strano guardarlo in Tv, dato che ho sempre partecipato dal 1998" ha aggiunto.

"Sono stato in viaggio per così tanto tempo che è stato bello vivere un po' più di pace, come già accaduto a causa del Covid. Mi ha dato l'opportunità di organizzare selettivamente i miei viaggi e stare più spesso in alcuni posti.

Molti amici venivano sempre a trovarmi, ho potuto ribaltare questa situazione. L'itinerario tennistico a volte era eccessivo, soprattutto perché dovevo organizzarlo anche per i bambini. È bello prendersi una pausa adesso, anche per loro.

Abbiamo amici in tutto il mondo: per esempio alcuni a New York e Melbourne non li vediamo da alcuni anni" ha proseguito il nativo di Basilea sulla 'nuova' vita oltre il tennis. "Posso onestamente dire che sono molto felice a casa.

È un grande vantaggio poter fissare un appuntamento per un martedì mattina tra tre settimane e che posso davvero farlo senza che la realtà mi sorpassi. A volte ci manca viaggiare per il mondo e ovviamente a me manca lo sport. Ma sento che la vita a casa, in modo diciamo normale, è anche bella" ha concluso.