Kokkinakis svela cosa lo ha colpito di più di Roger Federer



by   |  LETTURE 1677

Kokkinakis svela cosa lo ha colpito di più di Roger Federer

I Big 3 hanno lasciato le briciole ai loro avversari nell’ultimo decennio e mezzo. Oltre ad aver riscritto il libro dei record, i tre mostri hanno dimostrato una longevità che ha pochissimi eguali nella storia dello sport.

Novak Djokovic e Rafael Nadal si contendono ancora i trofei più prestigiosi, mentre Roger Federer ha vissuto un autentico calvario nelle ultime due stagioni. Il fenomeno svizzero ha subito ben tre operazioni al ginocchio, che gli hanno impedito di giocare come e quanto avrebbe desiderato.

L’ex numero 1 ATP, che non mette piede in campo da un anno esatto, rientrerà a fine settembre in occasione della Laver Cup. Nadal, dal canto suo, si è aggiudicato i primi due Slam del 2022 staccando i suoi eterni rivali nella classifica all-time.

Più complessa la situazione di Djokovic, che ha pagato a carissimo prezzo la sua scelta di non vaccinarsi contro il Coronavirus. Il serbo è intenzionato a vincere Wimbledon per accorciare il gap che lo separa da Rafa.

In conferenza stampa a Londra, Thanasi Kokkinakis – sconfitto nettamente da Djokovic al secondo turno – ha analizzato le caratteristiche dei Big 3.

Kokkinakis parla dei Big 3

“I Big 3 riescono ad essere super efficaci in modi diversi.

Ho avuto la possibilità di giocare contro tutti e tre. Ho affrontato Rafael Nadal quando avevo 17 anni, quindi è passato molto tempo. La partita contro Roger Federer è sicuramente la mia preferita, perché ho espresso un ottimo tennis e sono riuscito a vincere.

Novak Djokovic è un vero e proprio muro. Federer è il più elegante di tutti, mentre con Rafa ho capito subito di non essere al suo stesso livello fisico. Ognuno di loro ha caratteristiche uniche. Sono rimasto colpito dalla mobilità di Novak, che riesce a scivolare anche sull’erba.

Ci vogliono 4-5 accelerazioni a tutto braccio per riuscire a fargli il punto” – ha dichiarato Kokkinakis. L’australiano è dotato di un grande talento, ma gli infortuni hanno seriamente condizionato la sua carriera.

Complice un fisico di cristallo, Thanasi non è riuscito a tenere fede alle aspettative. La speranza è che possa togliersi qualche soddisfazione nei prossimi anni.