Durissima polemica di Holger Rune: "Roger Federer era 40 volte peggio"



by   |  LETTURE 30174

Durissima polemica di Holger Rune: "Roger Federer era 40 volte peggio"

Hanno fatto discutere molto alcuni suoi atteggiamenti mostrati in campo nelle ultime uscite. Holger Rune è decisamente uno dei talenti attuali del circuito Atp, che sta ottenendo diversi risultati soddisfacenti nel 2022 come il trionfo a Monaco (con la vittoria sulla testa di serie numero uno Alexander Zverev) e i quarti di finale raggiunti al Roland Garros, sorprendendo il greco Stefanos Tsitsipas.

Il danese sta mostrando grande solidità e mentalità contro i top 5 e questo aspetto potrebbe confermarsi nei prossimi appuntamenti prestigiosi della stagione. L'erba è decisamente insidiosa per il 19enne di Copenaghen, che non è riuscito a superare il primo turno ad Halle e proverà ora a far meglio in quel di Eastbourne.

Le pesanti dichiarazioni

In merito al suo comportamento nelle scorse gare, in un'intervista rilasciata a Ekstra Bladet, Rune ha aperto una polemica abbastanza dura: "Ho una passione estrema per questo sport e a volte la mostro troppo.

Ho 19 anni e sono ancora giovane. Lavoro ogni giorno per ottenere solo il lato positivo dal mio atteggiamento, è un processo in corso. Roger Federer, alla mia età, era forse 40 volte peggio di me ed è uno dei tennisti più amati nel tour, quindi penso di avere tutto il tempo per avere un’immagine ancora migliore” ha commentato.

Poi ha proseguito: "Vedo queste cose come differenze e penso che sia fantastico. Se tutte le persone fossero uguali e pensassero allo stesso modo, sarebbe orribile vivere in questo mondo. È importante che ognuno possa pensare quello che vuole e sostenere o meno un personaggio.

Fortunatamente ho molti fan danesi che seguono la mia carriera e mi augurano ogni bene, cosa che apprezzo molto" ha aggiunto. "Penso di giocare con molta passione e la mia sensazione è che al pubblico dei vari tornei piaccia guardare le mie partite.

Di solito tifano per me. Tutto lo stadio faceva il tifo per me quando ho giocato contro Stefanos Tsitsipas e Casper Ruud al Roland Garros, quindi penso di aver fatto qualcosa di positivo” ha concluso Holger, deciso a regalarsi dei traguardi anche a Wimbledon, nel terzo Grande Slam dell'annata.