Roger Federer giocherà prima della Laver Cup? Ecco la sua risposta



by   |  LETTURE 6127

Roger Federer giocherà prima della Laver Cup? Ecco la sua risposta

La carriera di Roger Federer è agli sgoccioli, ma il fenomeno svizzero vuole regalarsi un ultimo giro di giostra prima di appendere la racchetta al chiodo. L’ex numero 1 del mondo ha dovuto fare i conti con un serio infortunio al ginocchio destro, che ha ridotto sensibilmente le sue apparizioni in campo negli ultimi due anni.

Basti pensare che il 40enne di Basilea ha giocato appena 13 match ufficiali nel 2021, totalizzando nove vittorie e quattro sconfitte. Il Re ha centrato i quarti a Wimbledon grazie anche ad un tabellone non impossibile, ma non ha potuto nulla contro uno scatenato Hubert Hurkacz.

Il polacco si è tolto lo sfizio di rifilargli persino un bagel sul Centre Court. Qualche settimana più tardi, Federer ha annunciato di aver subito una ricaduta al ginocchio e di doversi operare per la terza volta in 18 mesi.

Nel corso di una lunga intervista al settimanale svizzero ‘Coopzeitung’, Roger ha praticamente confermato che non tornerà a giocare prima della Laver Cup. L’evento si svolgerà alla O2 Arena di Londra dal 23 al 25 settembre.

Federer non giocherà prima della Laver Cup

“Sapevo che l’operazione al ginocchio e il successivo recupero avrebbero richiesto tanto tempo, ma non potevo fare altrimenti. Dopo Wimbledon, mi sono reso conto che non potevo continuare in quel modo.

Spero di poter tornare in occasione della Laver Cup a settembre” – ha dichiarato Federer. L’otto volte campione di Wimbledon non vuole sbilanciarsi troppo sul futuro: “Se la mia famiglia viaggerà con me in giro per il mondo? È un problema che mi piacerebbe avere, dico davvero.

Perché significherebbe che tutto sta andando per il meglio. Il vantaggio è che non giocherò 20 tornei all’anno come facevo un tempo. Avrò un calendario elastico, che dipenderà molto da come mi sento”.

Il 20 volte campione Slam non perde mai il suo proverbiale ottimismo: “I miei figli sarebbero felicissimi di rivedere certi posti, perché è lì che incontravamo i nostri amici ogni anno”. Il Maestro si è congratulato con Rafael Nadal dopo il suo ennesimo trionfo a Parigi.