Wilander: "Rafa Nadal più divertente di Roger Federer e Djokovic a livello di tennis"



by   |  LETTURE 10265

Wilander: "Rafa Nadal più divertente di Roger Federer e Djokovic a livello di tennis"

Tutti gli ex giocatori stanno pian piano esprimendo la propria opinione sulla nuova vittoria al Roland Garros di Rafael Nadal, che continua a riscrivere tantissimi record specialmente sulla terra rossa. Lo spagnolo è stato fin qui impeccabile nei tornei del Grande Slam, visto che nel mese di gennaio ha compiuto l'impresa di conquistare anche il titolo degli Australian Open per la seconda volta in carriera.

Il nuovo parere

Lo svedese Mats Wilander, opinionista anche su Eurosport in queste due settimane per la competizione parigina, ha commentato il trionfo del maiorchino: “Non voglio più commentare le sue partite.

Voglio solo vederlo giocare" ha subito spiegato. Poi ha aggiunto, a conferma della sua netta affermazione: "Rafa è diventato un giocatore molto completo. Ora vince l’80% dei suoi punti in modi diversi. Una palla corta, un tiro al volo, una volta un dritto lungolinea, una volta un rovescio incrociato… Sono finiti i giorni in cui si giocava ogni punto come un match point.

Quello che non è cambiato è che gioca ogni punto nel modo giusto. Non sbaglia mai le sue scelte” ha sottolineato. “Più invecchio, più mi diverto a guardarlo giocare. Si fida più delle sue variazioni rispetto a quando aveva 22 o 23 anni.

Trovo che il suo tennis sia più divertente di quello di Roger Federer o Novak Djokovic. Con lo svizzero tutto sembra facile, è semplice ed estetico. Rafa è diverso: la sua naturalezza nasce quando colpisce la palla.

Naturalmente l’inizio e la fine del gesto non sono così fluidi come con Roger. Ma il contatto con la palla è così puro, il suo tocco sulla palla è così straordinario che rimango sbalordito” ha rimarcato.

"Ho sempre amato la sua intensità e il coinvolgimento emotivo. Prima c’era un aspetto ripetitivo nel suo gioco, sapevamo esattamente come avrebbe vinto il punto. E sapevamo che avrebbe vinto 6-2, 6-2, 6-2. Ora crea incertezza: cosa farà come prossima mossa? È come guardare Federer quando era al meglio” ha concluso l'ex tennista.