Tim Henman sulla lotta al GOAT: "È sfida fra Roger Federer e Rafael Nadal"



by   |  LETTURE 13352

Tim Henman sulla lotta al GOAT: "È sfida fra Roger Federer e Rafael Nadal"

Semplicemente fantastico. Rafael Nadal si è confermato come il giocatore più forte al mondo sulla terra rossa (e non solo) con il quattordicesimo titolo conquistato al Roland Garros. Lo spagnolo è imbattibile quando raggiunge la finale del torneo parigino e anche il norvegese Casper Ruud si è dovuto arrendere in tre 'rapidi' set.

Una partita senza storia, col risultato quasi mai messo in discussione. Dopo il match point è esplosa tutta la gioia del maiorchino per essere riuscito a superare anche questo traguardo, nonostante un problema al piede che lo tormenta ormai da tempo.

L'ex tennista britannico Tim Henman, fra i commentatori di Eurosport anche dell'atto conclusivo della competizione parigina, è intervenuto a più riprese al termine del match per esprimere la sua su cosa stia continuando a realizzare l'iberico nel circuito Atp.

Non sono mancate le riflessioni su chi sia l'atleta più forte di tutti i tempi, argomento che divide ormai tutta l'opinione pubblica sui Big Three.

Le sue parole

L'inglese ha commentato: “Penso che sia stato molto chiaro e onesto nel dire che non sa se tornerà qui.

Ma quando vedi una prestazione del genere... era sotto 3-1 nel secondo set e ha ottenuto 11 game di fila. È stata solo un'altra lezione di perfezione sulla terra battuta" . Poi ha proseguito: "Pensi che quando vince questi grandi titoli, non dimentichiamo che ha conquistato gli Australian Open e ora l'Open di Francia, quindi col Grande Slam sempre possibile, sicuramente lo motiva ad andare avanti.

Questo è ciò per cui teniamo le dita incrociate, perché è un privilegio vedere uno dei più grandi campioni del nostro sport giocare ancora in quel modo" ha aggiunti. Sulla lotta al GOAT: "Secondo me sono Roger Federer e Rafael Nadal a giocarsela per il titolo di migliore della storia.

Solitamente i tennisti hanno il piano A e al massimo il piano B, Rafa ha tante opzioni e non posso che parlar bene di lui e di come sia migliorato nel corso degli anni" ha concluso.