Il messaggio speciale di Roger Federer per Jo-Wilfried Tsonga dopo il ritiro



by   |  LETTURE 8854

Il messaggio speciale di Roger Federer per Jo-Wilfried Tsonga dopo il ritiro

Il primo turno di Roland Garros si è concluso e non ha decretato solo vincitori e sconfitti, ma anche importanti ritiri. Nel day 3 dell’Open di Francia, sul Court Philippe Chartier, si è giocato il match tra Casper Ruud e la wild card del torneo, Jo-Wilfried Tsonga.

Il giocatore francese, che ha scelto di giocare il suo ultimo Slam in terra natia, ha combattuto nei primi due set: ha conquistato il primo in un rocambolesco tiebreak, mentre ha perso il secondo sempre nello stesso modo.

Con il passare dei minuti e dei game, però, il finalista degli Australian Open del 2008 ha subito un calo fisico, nonché un problema alla spalla per cui ha chiesto un time-out medico. In un ultimo tiebreak che non ha avuto storia, il match è terminato con la vittoria del norvegese sul francese, che ha potuto così salutare il pubblico di casa.

Lacrime e commozione per uno degli eroi del tennis francese, salutato da una standing ovation da parte del pubblico francese, ma non solo. Infatti, uno dei suoi rivali storici ha deciso di dedicarli un messaggio sui social.

“Congratulazioni Jo Willy per l’epica carriera. È stato un piacere condividere il campo con te. Così tanti ricordi”: queste le bellissime parole che Roger Federer ha voluto dedicare all'ex numero cinque del mondo in un messaggio social, pubblicato sia su Instagram sia su Twitter.

Le finali di Federer e Tsonga

Roger Federer e Jo Wilfried Tsonga si sono affrontati numerose volte, comprese alcuni finali di tornei importanti. Una sola è stata vinta da Jo Wilfried Tsonga: nel 2014, alla Rogers Cup di Toronto, sono stati sufficienti due set per vincere contro lo svizzero.

Sempre in tema finali, tuttavia, è Roger Federer ad avere i numeri dalla sua. A distanza di due settimane, lo svizzero vince contro il francese in due occasioni: prima nel Masters 1000 di Parigi-Bercy, poi nelle ATP Finals di Londra, dove all’ex numero uno del mondo è stato necessario arrivare al terzo set per conquistare la coppa del Maestro.