Clerc: "È sempre più difficile affermare che Roger Federer sia il GOAT"



by   |  LETTURE 8074

Clerc: "È sempre più difficile affermare che Roger Federer sia il GOAT"

Il ginocchio destro ha tormentato Roger Federer nelle ultime due stagioni. Dopo la semifinale raggiunta agli Australian Open 2020, è iniziato un autentico calvario per lo svizzero sul piano sportivo. Basti pensare che l’ex numero 1 del mondo ha giocato appena 13 match ufficiali l’anno scorso, raccogliendo nove vittorie e quattro sconfitte.

Gli ottavi al Roland Garros e i quarti a Wimbledon sono stati i suoi migliori risultati stagionali, un bottino decisamente troppo magro per una leggenda del suo calibro. Qualche settimana dopo i Championships, il Re ha annunciato di doversi operare al ginocchio per la terza volta in 18 mesi.

L’auspicio dei fan è che il 40enne di Basilea possa regalarsi un ultimo giro di giostra prima di appendere la racchetta al chiodo. Il 20 volte campione Slam dovrebbe tornare alla fine dell’estate o all’inizio dell’autunno, magari in occasione della Laver Cup.

È stata confermata la sua presenza anche all’ATP di Basilea. Nel corso di una recente intervista a ‘Olé’, José Luis Clerc ha affrontato la questione del GOAT.

Federer ha giocato pochissimo negli ultimi due anni

“Se Rafael Nadal vincerà il Roland Garros, sarà il più grande di sempre senza più discussioni” – ha esordito Clerc.

“Per quanto riguarda Roger Federer, non credo che possa vincere un altro Slam. Noi appassionati di tennis vorremmo che lo svizzero giocasse per sempre, ma non è possibile. Tanta gente continua ad affermare che Roger sia il GOAT, ma per me il più grande di tutti i tempi sarà quello con più Major in bacheca.

Federer è assente da troppo tempo e l’età non è certo dalla sua parte. Novak Djokovic e Rafael Nadal hanno molte più chance di vincere altri Slam, anche se bisognerà tenere d’occhio l’ascesa di Carlos Alcaraz” – ha aggiunto.

L’ultimo sigillo di Federer in un Major risale ormai agli Australian Open 2018, quando ha sconfitto Marin Cilic in finale. “Sarà difficile per lui vincere un altro Slam, ma può benissimo arrivare nei quarti o in semifinale se sta bene” – ha detto recentemente il suo amico Tommy Haas.