Croft: "Carlos Alcaraz gestisce la pressione come il primo Roger Federer"



by   |  LETTURE 2537

Croft: "Carlos Alcaraz gestisce la pressione come il primo Roger Federer"

Carlos Alcaraz ha dimostrato di essere già il presente di questo sport. Il 19enne spagnolo ha avuto un inizio di stagione da sogno, tanto da essere già stato incoronato come il futuro dominatore del tennis maschile.

Il murciano si è aggiudicato quattro titoli in questo avvio di 2022, fra cui spiccano due Masters 1000 (Miami e Madrid). Alla Caja Magica, il pupillo di Juan Carlos Ferrero ha realizzato una cavalcata memorabile battendo in sequenza il suo idolo Rafael Nadal, il numero 1 ATP Novak Djokovic e il campione uscente Alexander Zverev.

Alcaraz, che ha deciso di saltare gli Internazionali d’Italia per ricaricare le batterie, si presenterà al Roland Garros come uno dei grandi favoriti per la vittoria. ‘Carlitos’ riesce a gestire benissimo la pressione e sembra divertirsi moltissimo sul campo da tennis.

Ai microfoni di Amazon Prime, Annabel Croft ha effettuato un parallelismo davvero interessante fra Carlos Alcaraz e Roger Federer. Il fuoriclasse svizzero è alle prese con la riabilitazione dopo l’ennesima operazione al ginocchio destro.

Il 40enne di Basilea rientrerà alla fine dell’estate o all’inizio dell’autunno.

Alcaraz è già il presente

“Carlos Alcaraz ti dà la sensazione di non voler evitare la pressione, anzi è un privilegio per lui.

Da questo punto di vista, noto alcune somiglianze con Roger Federer. Il primo Federer aveva una pressione gigantesca perché era sempre il favorito, ma era disposto a camminare in mezzo al fuoco perché si divertiva un mondo a giocare a tennis.

Sono sicuro che Roger sia rimasto sbalordito guardando questo ragazzo” – ha affermato Annabel Croft. Alcaraz è stato elogiato anche da Novak Djokovic: “In questo momento, è lui il più forte tennista del mondo.

Può giocare bene sia in attacco che in difesa, non ha punti deboli. Gli auguro il meglio. Giocherà parecchi match epici su tutte le superfici, magari anche contro di me. Porta sul campo un sacco di energia, ecco perché piace alla gente. Credo che abbia fatto bene a saltare il torneo di Roma. Al Roland Garros sarà uno dei primissimi favoriti”.