Nalbandian: "Ecco come ho fatto a battere Roger Federer così tante volte"



by   |  LETTURE 3644

Nalbandian: "Ecco come ho fatto a battere Roger Federer così tante volte"

Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic hanno dominato il circuito maschile per un decennio e mezzo, riscrivendo completamente il libro dei record. Lo spagnolo è davanti a tutti nella classifica all-time degli Slam, grazie allo straordinario trionfo agli Australian Open 2022.

Il 35enne di Manacor proverà ad allungare ulteriormente al Roland Garros, dove andrà a caccia del suo 14° sigillo. Rafa dovrà fare i conti con Djokovic, intenzionato a difendere il titolo conquistato l’anno scorso.

Dopo aver sfiorato il ‘Calendar Grand Slam’ nel 2021, il fuoriclasse serbo ha incontrato parecchie difficoltà in questo inizio di stagione. A causa della sua scelta di non vaccinarsi contro il Coronavirus, il 34enne di Belgrado non ha potuto difendere il titolo in Australia e ha subito un grave danno d’immagine.

Diverso il discorso relativo a Federer, alle prese con la riabilitazione dopo l’ennesima operazione al ginocchio destro. Il 40enne svizzero dovrebbe rientrare alla fine dell’estate o all’inizio dell’autunno, magari in occasione della Laver Cup.

Ospite nell’ultima edizione di ‘ATP Tennis Radio’, David Nalbandian ha spiegato quanto fosse complicato giocare nella stessa epoca dei Big 3.

Nalbandian ha sconfitto più volte i Big 3

“Io sono riuscito nell’impresa di battere Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic nello stesso torneo (Madrid 2007), non era mai successo prima e non sarebbe più accaduto dopo.

Quella settimana è stata veramente incredibile. Avevo faticato nei primi round ed ero stato ad un passo dalla sconfitta al secondo o al terzo turno. Una volta superato quel momento difficile, ho iniziato a giocare un tennis fantastico.

In generale, era complicatissimo doversi misurare con i Big 3 in ogni singolo torneo. Stiamo parlando di leggende che – nei loro anni d’oro – perdevano 4-5 partite all’anno” – ha raccontato Nalbandian.

L’argentino ha ottenuto ben otto vittorie contro Federer: “Io e Roger ci conoscevamo benissimo fin da junior. Inoltre, sapevo che a lui non piaceva giocare contro di me. Il fatto di averlo affrontato da piccolo mi ha aiutato moltissimo, perché non avevo alcun timore reverenziale nei suoi confronti. Vinceva semplicemente chi giocava meglio”.