Ruud preferisce il dritto di Rafael Nadal alla volée di Roger Federer

Nelle ultime due stagioni, il Re è stato limitato da un serio problema al ginocchio destro

by Simone Brugnoli
SHARE
Ruud preferisce il dritto di Rafael Nadal alla volée di Roger Federer

Nelle ultime due stagioni, Roger Federer è stato limitato da un serio problema al ginocchio destro. Dopo aver raggiunto la semifinale agli Australian Open 2020, è iniziato un autentico calvario per il 20 volte campione Slam.

Basti pensare che il Re ha giocato appena 13 match ufficiali nel 2021, raccogliendo nove vittorie e quattro sconfitte. Gli ottavi al Roland Garros e i quarti a Wimbledon non sono riusciti a salvare un’annata ben al di sotto delle aspettative.

Qualche settimana dopo i Championships, l’ex numero 1 del mondo ha annunciato di aver subito una ricaduta al ginocchio e di doversi operare per la terza volta in 18 mesi. Il fenomeno svizzero spera di rientrare alla fine dell’estate o all’inizio dell’autunno, magari in occasione della Laver Cup (che si svolgerà alla O2 Arena di Londra a fine settembre).

Pochi giorni fa, è stata confermata la presenza di Roger all’ATP di Basilea. Il 40enne elvetico ha dovuto incassare il sorpasso di Rafael Nadal nella classifica all-time dei Major, mentre Novak Djokovic gli ha strappato il record di settimane in vetta al ranking ATP.

In un’intervista rilasciata durante il ‘BMW Open’, è stato chiesto a Casper Ruud di scegliere fra il dritto di Nadal e la volée di Federer.

Ruud sceglie il dritto di Rafa Nadal

“Penso che il dritto abbia dato a Rafael Nadal più titoli di quanti la volée non ne abbia dati a Roger Federer” – ha analizzato Ruud.

“Prendo il dritto di Nadal, anche se Roger è davvero sublime nei pressi della rete” – ha aggiunto. Secondo Christopher Clarey, noto corrispondente del New York Times, Federer ritiene di poter essere ancora competitivo ai massimi livelli.

“Se ci pensiamo bene – l’ultima volta che abbiamo visto Roger Federer in buona salute – è arrivato ad un solo punto dal vincere Wimbledon. Secondo me, lui pensa di avere un’ultima chance a Londra.

In linea teorica non è andata male neppure l’anno scorso, avendo raggiunto i quarti a 39 anni e nonostante una condizione precaria. Io dubito che possa andare più lontano di così, ci sono troppi avversari in questo momento”.

Rafael Nadal Roger Federer
SHARE