Jaramillo: "Roger Federer e Rafael Nadal sono meno completi di Djokovic"



by   |  LETTURE 1975

Jaramillo: "Roger Federer e Rafael Nadal sono meno completi di Djokovic"

I Big 3 sono stati i grandi dominatori del tennis maschile nell’ultimo decennio e mezzo. Anche dopo aver superato i 30 anni, sono stati in grado di rimanere competitivi battendo ogni record possibile e immaginabile. Rafael Nadal si è portato a quota 21 Slam, dopo aver trionfato agli Australian Open 2022 contro ogni pronostico.

Reduce da un lungo stop per infortunio, il fuoriclasse spagnolo ha realizzato una delle più grandi imprese di tutta la sua carriera. Il maiorchino proverà ad allungare ulteriormente al Roland Garros, ma dovrà fare attenzione a Novak Djokovic.

Il numero 1 del mondo non ha potuto difendere il titolo agli Australian Open a causa della ben nota questione vaccinale, che ha limitato moltissimo le sue apparizioni in campo in questo inizio di stagione. Basti pensare che il serbo ha giocato appena tre match ufficiali quest’anno.

Diverso il discorso relativo a Roger Federer, che si sta riprendendo dall’ennesima operazione al ginocchio destro. Il 40enne svizzero spera di rientrare alla fine dell’estate o all’inizio dell’autunno, magari in occasione della Laver Cup.

Nel corso di una lunga intervista a ‘Punto de Break’, il noto coach Gabriel Jaramillo ha elogiato i tre 'mostri' per la loro incredibile longevità.

I Big 3 non vogliono mollare

“Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic sono atleti davvero unici, che hanno fatto la storia dello sport moderno” – ha spiegato Jaramillo.

“Nonostante abbiano vinto tantissimo e siano milionari, continuano a dare il massimo. Hanno portato il tennis in una nuova dimensione. Sarà molto difficile rivivere un’epoca simile in futuro” – ha aggiunto.

Gabriel ritiene che Nole abbia più chance degli altri due di incrementare la sua bacheca: “Oltre ad essere il più giovane dei tre, Djokovic è quello messo meglio dal punto di vista fisico. Rafa è sempre straordinario, ma il suo corpo gli chiederà il conto un giorno o l’altro.

Poi c’è Roger, che fa sembrare tutto così semplice e possiede una classe innata. Tuttavia, penso che Novak sia il più completo dei tre”. Il 34enne serbo è tornato in campo questa settimana nel Masters 1000 di Montecarlo.