Chi ha il miglior rovescio a una mano? Tommy Haas sceglie Roger Federer



by   |  LETTURE 5598

Chi ha il miglior rovescio a una mano? Tommy Haas sceglie Roger Federer

Un serio problema al ginocchio destro ha impedito a Roger Federer di giocare con costanza nelle ultime due stagioni. Basti pensare che il fenomeno svizzero ha giocato la miseria di 13 partite ufficiali nel 2021, raccogliendo nove vittorie e quattro sconfitte.

L’ex numero 1 del mondo ha raggiunto i quarti a Wimbledon, dove è stato sconfitto nettamente da Hubert Hurkacz sul Centre Court. Qualche settimana dopo i Championships, il 40enne di Basilea ha annunciato di aver subito una ricaduta al ginocchio e di doversi operare per la terza volta.

Il 20 volte campione Slam si augura di tornare in campo alla fine dell’estate o all’inizio dell’autunno, magari in occasione della Laver Cup. Il suo storico coach Severin Luthi ha ammesso che è improbabile vedere Re Roger a Wimbledon quest’anno, una bruttissima notizia per il torneo e per i fan.

Federer ha dovuto incassare il sorpasso di Rafael Nadal nella classifica all-time degli Slam, mentre Novak Djokovic gli ha strappato il record di settimane in vetta al ranking ATP. Nel corso di una sessione di domande e risposte ai microfoni di ‘We Are Tennis’, Tommy Haas – direttore del Masters 1000 di Indian Wells dal 2016 – ha selezionato il rovescio a una mano di Roger come il migliore in assoluto.

Haas sceglie il rovescio di Federer

“Roger Federer ci ha fatto vedere di tutto negli ultimi 20 anni. Ritengo che il suo rovescio a una mano sia il migliore in assoluto, per via della sua capacità di stare vicino al campo e di anticipare.

Sembra che voli da una parte all’altra del terreno di gioco” – ha dichiarato Haas. Di recente, lo svizzero ha ribadito la sua volontà di tornare nel circuito: “I tornei che ho disputato l’anno scorso mi hanno fatto capire che la mia carriera da atleta professionista non è ancora giunta al termine.

I progressi che faccio ogni giorno rafforzano dentro di me l’idea che un giorno sarò abbastanza forte per tornare a giocare ai massimi livelli. Voglio ringraziare i miei fan, che non hanno mai smesso di supportarmi”.