Evert: "Noto una somiglianza incredibile tra Rafael Nadal e Simona Halep"



by   |  LETTURE 3861

Evert: "Noto una somiglianza incredibile tra Rafael Nadal e Simona Halep"

Rafael Nadal si è imposto tre volte a Indian Wells, ma il suo ultimo sigillo risale al lontano 2013. Le particolari condizioni del torneo californiano rendono difficile l’adattamento a questi campi, tanto è che vero che lo spagnolo ha rischiato di uscire di scena già all’esordio.

L’ex numero 1 del mondo ha rimontato un doppio break a Sebastian Korda nel set decisivo, mettendo nuovamente in mostra quella resilienza che gli ha permesso di fare la storia del tennis. Il 35enne di Manacor è ancora imbattuto nel 2022, avendo raccolto 17 vittorie a fronte di zero sconfitte.

Se batterà Reilly Opelka negli ottavi, Nadal supererà Pete Sampras e Roger Federer in questa particolare classifica. Sia l’americano che lo svizzero si erano fermati a quota 17 successi consecutivi (ad inizio stagione) rispettivamente nel 1998 e nel 2018.

Il maiorchino ha affrontato Opelka una sola volta nel circuito maggiore, agli Internazionali d’Italia 2021, uscendo vittorioso in due set. Il gigante americano è parso in ottima forma, avendo estromesso Lorenzo Musetti e Denis Shapovalov.

In una recente intervista al portale ‘Tennis365’, Chris Evert ha effettuato un interessante parallelismo tra Nadal e Simona Halep.

Nadal e Halep sono ancora in corsa a Indian Wells

“Simona Halep è una giocatrice molto simile a Rafael Nadal come approccio al tennis.

Entrambi devono lavorare più duramente degli altri in allenamento e possiedono una resistenza eccezionale grazie agli esercizi che svolgono in palestra. Non è un caso che tutti e due realizzino spesso rimonte clamorose” – ha spiegato Evert.

La leggenda della WTA è rimasta sbalordita dal rendimento dello spagnolo: “Nessuno poteva immaginare che il corpo di Rafa avrebbe retto così bene, avendo un tipo di gioco molto dispendioso. Ha bisogno di più energia rispetto a qualsiasi altro top player.

I suoi ritmi sono frenetici ed estenuanti, ma il suo livello di gioco non pare risentirne. Gli infortuni sono stati duri da superare, ma gli hanno anche permesso di prendersi una pausa e di ricaricare le pile. Dal punto di vista mentale, non mi ha sorpreso. Nadal è più affamato di qualsiasi altro atleta su questo pianeta”.