Castle: "Spero che Roger Federer abbia ancora qualcosa da dare"



by   |  LETTURE 3615

Castle: "Spero che Roger Federer abbia ancora qualcosa da dare"

Roger Federer si è allontanato dal circuito negli ultimi due anni. Un serio problema al ginocchio ha tenuto lo svizzero ai box per tantissimo tempo, costringendolo ad assistere impotente ai trionfi di Rafael Nadal e Novak Djokovic.

Il Re ha disputato la miseria di 13 partite ufficiali nel 2021, raccogliendo nove vittorie e quattro sconfitte. Gli ottavi al Roland Garros e i quarti a Wimbledon sono stati i suoi migliori risultati stagionali, ma si tratta di un bottino decisamente troppo magro per una leggenda del suo calibro.

Qualche settimana dopo i Championships, l’ex numero 1 del mondo ha annunciato di doversi operare per la terza volta al ginocchio. Non esiste una data precisa per il rientro dell’elvetico, che si sta allenando in palestra per il momento.

In una recente intervista, Severin Luthi ha ammesso che è molto improbabile la presenza del Maestro a Wimbledon quest’anno. Il 20 volte campione Slam dovrebbe partecipare alla Laver Cup a Londra, ma è troppo presto per sbilanciarsi.

Ai microfoni del portale ‘Tennis365’, Andrew Castle ha parlato a lungo dei Big 3.

Il rientro di Federer è ancora lontano

“Sono felice che Daniil Medvedev abbia raggiunto la prima posizione del ranking ATP, ma mi auguro che i Big 3 abbiano ancora qualcosa da dare prima di ritirarsi” – ha detto Castle.

“Rafael Nadal ha iniziato il 2022 in maniera incredibile, vincendo addirittura gli Australian Open. Non sappiamo quali tornei potrà giocare Novak Djokovic a causa della questione vaccinale, ma sono sicuro che la sua motivazione sarà alle stelle nei prossimi mesi.

Mi sarebbe piaciuto vedere la sua faccia quando Nadal ha conquistato il suo 21° Slam a Melbourne. Per quanto riguarda Roger Federer, spero che possa tornare a Wimbledon e regalarsi un ultimo giro di giostra” – ha aggiunto.

Djokovic sarà costretto a saltare i Masters 1000 di Indian Wells e Miami: “Ad oggi non posso entrare negli Stati Uniti, quindi non sono in grado di giocare. Vediamo cosa succede. Voglio dire, forse le cose cambieranno nelle prossime settimane. Al tempo stesso, desidero congratularmi con Daniil Medvedev”.