Stakhovsky: "Djokovic mi ha contattato. Federer e Nadal hanno preferito il silenzio"



by   |  LETTURE 13484

Stakhovsky: "Djokovic mi ha contattato. Federer e Nadal hanno preferito il silenzio"

Sergiy Stakhovsky, ex numero 31 del ranking ATP, ha deciso di arruolarsi per difendere la sua Ucraina dall’invasione russa e si è iscritto nelle liste dei riservisti dell'esercito ucraino. “Certo che combatterei, è l'unico motivo per cui sto cercando di tornare.

Mi sono iscritto alle riserve la scorsa settimana. Non ho esperienza militare ma ho esperienza con una pistola privatamente. Mio padre e mio fratello sono chirurghi, sono stressati, ma parlo spesso con loro: dormono nel seminterrato" .

Stakhovsky era in vacanza con la sua famiglia e, prima di partire per l’Ucraina, ha messo in salvo i suoi cari in Ungheria. In un’intervista al quotidiano “La Stampa” , Stakhovsky ha parlato del sostegno ricevuto dagli atleti in giro per il mondo e rivelato di essere deluso dalle mancate risposte di Roger Federer e Rafael Nadal, icone del tennis.

Stakhovsky: "Ho parlato con Djokovic. Federer e Nadal non mi hanno risposto"

“In Ucraina il servizio militare non è obbligatorio. Ma sono pronto a fare qualsiasi cosa sia necessaria a proteggere il mio paese e a impedire alla Russia di vincere.

Se questo vuol dire che dovrò usare un’arma per difendermi sparando a qualcuno, lo farò. La verità è che non avete fatto nulla per sette anni. Se aveste fatto quello che state facendo ora otto anni fa, quando la Crimea fu annessa, non saremmo in questo guaio.

Novak Djokovic mi ha mandato un messaggio di sostegno, abbiamo anche parlato un po’. Ho provato a contattare Roger e Rafa, mi dispiace che abbiano preferito il silenzio. Li capisco, non è la loro guerra. Abbiamo il sostegno di grandi personalità, l’importante è che duri.

Altrimenti dopo che avrà finito con l’Ucraina, Putin inizierà a bombardare l’Europa. Medvedev e Rublev? Sono bravi ragazzi, capiscono l’atrocità di questa guerra. Se non altro provano a fare qualcosa, altri non lo fanno.

Ho già ricevuto centinaia di messaggi dai tennisti di tutto il mondo, scioccati da quello che sta succedendo. È un aiuto. Vuol dire che capiscono che quanto dice Putin sugli ucraini nazisti è falso" .