Wawrinka scettico sul livello di Federer al suo rientro



by   |  LETTURE 7570

Wawrinka scettico sul livello di Federer al suo rientro

Sebbene lo si sia rivisto in campo (poco) nel corso del 2021, Roger Federer è oramai da tempo scivolato nell’ombra a causa dei suoi problemi al ginocchio. Appena cinque tornei, è questo il bilancio dell’attività del campione svizzero durante lo scorso anno, con i quarti di finale a Wimbledon del 7 luglio a rappresentare la sua ultima apparizione in partite ufficiali – persa nettamente contro Hubert Hurkacz.

All’ennesimo stop, provocato dal nuovo intervento chirurgico dell’agosto 2021, il sentore di addetti ai lavori e non era orientato sul fatto che “The Swiss Maestro” fosse giunto al capolinea, vista anche l’età avanzata.

Idee che non hanno mai trovato riscontro nel racconto dello stesso Federer, il quale ha fatto intendere chiaramente la volontà di concludere sul campo la propria gloriosa carriera e non da spettatore. Intanto, tuttavia, il suo rientro nel circuito resta un mistero.

Ciò che è certo, a detta del suo amico e connazionale Stan Wawrinka, è che non sarà in grado di tornare sui livelli di qualche anno fa.

Wawrinka: “Conta la fiamma che hai dentro di te”

Al pari di Roger Federer, il tre volte campione Slam Stan Wawrinka è da tempo coinvolto in un calvario che lo tiene ai box da oltre un anno e che terminerà solo al Roland Garros, come da lui stesso annunciato.

Ospite del podcast “Air Open” , curato da L'Équipe, Wawrinka ha risposto però in merito al suo illustre collega e connazionale, manifestando i suoi dubbi sia sulla data del rientro che sul livello di Federer al momento del ritorno in campo: “Penso che sia semplicemente impossibile saperlo in questo momento perché da quello che dice, cosa mostra e cosa fa o non fa ora e negli ultimi mesi, è troppo lontano per sapere esattamente dove andrà.

Lo ha detto lui, finché non avrà ricominciato più intensamente la condizione fisica, non lo saprà. Soprattutto con la sua età e con questo tipo di grande infortunio, finché non siamo nel concreto della preparazione fisica e del tennis, non sappiamo quando torneremo e come.

Comunque, dal momento che non abbiamo chiuso il capitolo, c'è ancora la voglia, c'è ancora la fiamma. Il suo livello sarà lo stesso di cinque anni fa? No, chiaramente no. Ma ancora, abbiamo visto che non è sempre una questione di livello che permette di avere risultati, ci sono tanti fattori che entrano in gioco in ogni torneo.

La cosa più importante non è sapere quale livello puoi raggiungere, ma qual è la fiamma che hai dentro di te per fare ancora tutto il necessario per spingere i limiti” , ha concluso Wawrinka.