Nadal: "Medvedev nuovo numero uno? Io, Federer e Djokovic non possiamo più... "



by   |  LETTURE 21936

Nadal: "Medvedev nuovo numero uno? Io, Federer e Djokovic non possiamo più... "

Rafael Nadal ha conquistato il ventunesimo Major in carriera agli Australian Open e superato Roger Federer e Novak Djokovic nella lotta al primato Slam. Il campione spagnolo, nonostante il lungo periodo di inattività, è riuscito a giocare il suo miglior tennis e vincere alcune dure battaglie.

Le due partite che hanno messo in risalto il cuore e la forza del maiorchino sono state quelle con Denis Shapovalov ai quarti di finale e Daniil Medvedev in finale. Nel primo caso, Nadal ha dovuto fare i conti con un pericoloso colpo di calore e ha visto il suo avversario recuperare in un attimo i due set di svantaggio.

Nell’ultimo e decisivo parziale, però, lo spagnolo ha fatto valere tutta la sua esperienza e superato l’ostacolo. Nell’incontro che lo ha incoronato per la seconda volta campione a Melbourne, infine, Nadal ha completato una straordinaria rimonta ai danni di Medvedev.

Il russo, in vantaggio 6-2, 7-6( 5), non ha sfruttato tre palle break consecutive ad inizio terzo set e ha subito il ritorno di Nadal.

Nadal: "Io, Federer e Djokovic non possiamo seguire un calendario completo"

Medvedev e Nadal parteciperanno questa settimana al torneo ATP 500 di Acapulco e potrebbero incontrarsi in semifinale.

La posta in palio per il tennista classe 1996 è molto alta, perché diventerebbe il nuovo numero uno in caso di vittoria. In conferenza stampa, Nadal ha parlato proprio di questa possibilità e del futuro dei Big 3.

“Sono qui perché sento di poter giocare. Dopo gli Australian Open, ho vissuto alcuni momenti felici con le persone che amo. Le mie condizioni fisiche non erano così negative e sono stato in grado di tornare ad allenarmi relativamente presto.

Sento che posso continuare a vincere partite, questo è il motivo per cui sono qui. Medvedev e la prima posizione del ranking? Novak ha 34 anni e ne compirà 35 quest’anno. Roger ha 40 anni e io farò 36 anni a giugno.

Il tempo non si ferma. Questo è il cerchio della vita. È normale che le nuove generazioni arrivino e conquistino le migliori posizioni del ranking. Non possiamo permetterci di seguire un calendario completo al 100% e i giovani tennisti sono davvero forti.

Daniil è un tennista molto solido e continuo. Sta avendo una straordinaria carriera e penso che meriti di lottare per essere il nuovo numero uno. Gli auguro il meglio” .