Tiley ricorda l'epica finale degli AO 2017 tra Roger Federer e Rafael Nadal



by   |  LETTURE 7662

Tiley ricorda l'epica finale degli AO 2017 tra Roger Federer e Rafael Nadal

Roger Federer e Rafael Nadal hanno scritto pagine memorabili di storia del tennis insieme a Novak Djokovic. I Big 3 sono attualmente a pari merito con 20 Slam ciascuno, dopo che il fuoriclasse serbo ha azzerato il divario grazie al suo formidabile 2021.

Il numero 1 del mondo si è infatti aggiudicato ben tre Major lo scorso anno, oltre ad aver sfiorato il leggendario ‘Calendar Grand Slam’. Se avesse trionfato anche agli US Open, il 34enne di Belgrado sarebbe diventato il secondo uomo nell’Era Open dopo Rod Laver a conquistare tutti e quattro i Major nella stessa stagione.

Come se non bastasse, Nole ha chiuso l’anno in vetta al ranking ATP per la settima volta nella sua gloriosa carriera (staccando definitivamente il suo idolo Pete Sampras). Federer e Nadal, dal canto loro, sono stati limitati da una serie di problemi fisici.

Lo svizzero si è operato per la terza volta al ginocchio destro, mentre lo spagnolo è stato afflitto da un problema al piede. In una recente intervista per il sito degli Australian Open, Craig Tiley ha ricordato l’epica finale tra Roger e Rafa andata in scena a Melbourne nel 2017.

Tiley ricorda l'epica finale del 2017

“Nessuno potrà mai dimenticare la finale degli Australian Open 2017 tra Roger Federer e Rafael Nadal” – ha esordito Tiley. “Ad un certo punto, sembrava che Roger avrebbe vinto in quattro set.

Rafa ha reagito nel quarto parziale e ha assunto il comando nel set decisivo. Tante persone erano sicure che avrebbe chiuso rapidamente, ma non è stato così. Una volta ritrovatosi sotto di un break, Roger ha innalzato il proprio livello e ha infilato una serie di game magnifici.

L’inerzia del match si è spostata nuovamente dalla sua parte e lui è stato bravo a chiudere sul suo servizio. È stata sicuramente la partita più memorabile a cui abbia assistito a Melbourne Park” – ha aggiunto Craig, finito nell’occhio del ciclone per via del caso Novak Djokovic.

Il fenomeno di Belgrado è stato espulso dall’Australia al termine di una telenovela durata quasi due settimane.