Blake: "Sono stato stupido a pensare di poter battere Roger Federer"



by   |  LETTURE 11194

Blake: "Sono stato stupido a pensare di poter battere Roger Federer"

Roger Federer non ha più messo piede in campo dopo la netta sconfitta rimediata nei quarti a Wimbledon 2021. L’ex numero 1 del mondo non è sembrato al top della forma lo scorso anno, chiuso con appena 13 match ufficiali disputati.

Il fuoriclasse svizzero ha raccolto nove vittorie e quattro sconfitte, un bilancio davvero troppo magro per una leggenda del suo calibro. Qualche settimana dopo la fine dei Championships, il 20 volte campione Slam ha annunciato di aver subito una ricaduta al ginocchio destro e di doversi operare per la terza volta negli ultimi 18 mesi.

L’intervento è stato eseguito con successo, ma per rivedere il Maestro nel tour bisogna aspettare fino all’estate. La sua presenza a Wimbledon quest’anno è in forte dubbio, come ammesso dallo stesso Roger qualche tempo fa.

Il 40enne di Basilea ha dovuto salutare la Top 10 per la prima volta dal 2017, l’ennesimo indizio della fine di un’epoca. Di recente, James Blake – attuale direttore del Miami Open – ha ricordato la batosta da lui subita contro Federer alle ATP Finals 2006.

Il ricordo di James Blake

“Roger Federer mi ha veramente annichilito in quel di Shanghai. La partita è finita 6-0 6-3 6-4, se non ricordo male” – ha raccontato l’americano. “Devo confessare di essere stato molto stupido, perché pensavo seriamente di poterlo battere quel giorno.

Stavo giocando davvero bene in quel periodo, oltre ad essere giovane e incosciente. Sono stato letteralmente spazzato via dal campo” – ha aggiunto. In una recente apparizione su Tennis Channel, la leggenda della WTA Martina Navratilova ha espresso il desiderio che Roger possa ritirarsi alle sue condizioni.

“Mi auguro soltanto che il ginocchio lasci in pace Federer nella seconda metà del 2022. Le sue condizioni fisiche non mi sono parse buone l’anno scorso, devo essere sincera. Il mio desiderio è che Roger possa lasciare alle sue condizioni e con un fisico abbastanza integro.

Spero inoltre che possa tornare a Wimbledon e regalarsi un’ultima cavalcata sui prati londinesi” – ha dichiarato. L’ultimo trionfo del Re in uno Slam risale agli Australian Open 2018.