Atp Awards 2021, Roger Federer è sempre il tennista preferito dai fan



by   |  LETTURE 2286

Atp Awards 2021, Roger Federer è sempre il tennista preferito dai fan

Nonostante il suo rendimento sia calato tantissimo nelle ultime due stagioni a causa di tanti fastidiosi infortuni e per l’età avanzata, che non gli permette una certa continuità di partecipazione a tornei nel circuito, Roger Federer dimostra come resta sempre nel cuore dei tifosi di tutto il mondo.

Lo svizzero è stato premiato nuovamente negli Atp Awards, sempre nella categoria di giocatore preferito dai fan, che lo hanno votato in blocco, seppur non abbia brillato per risultati conquistati durante tutto il 2021.

Non c’è davvero storia per i suoi rivali: è da addirittura 19 anni consecutivi che il nativo di Basilea ottiene questo riconoscimento. Una conferma così lunga e prolungata davvero impressionante, che fa riflettere e crea tanto stupore seppur, apparentemente, sia solo un premio di fine anno assegnato dall’Association of Tennis Professionals.

Un beniamino per il pubblico confermato anche in questa edizione, e non era così scontato visto che si credeva che la serie potesse essere interrotta.

Il premio nel doppio

Un record che si incrementa ulteriormente per Re Roger, arrivato a ben 40 Atp Awards.

40 come gli anni che ha compiuto lo scorso agosto: dopo due interventi di artroscopia al ginocchio destro, era rientrato nel circuito a marzo del 2021, puntando tutto su Wimbledon. All’appuntamento prestigioso di Londra si è spinto con grande determinazione fino ai quarti, cedendo poi (anche fisicamente) al polacco Hubert Hurkacz.

Il pubblico dello storico torneo inglese ha sempre mostrato tantissimo affetto nei confronti dello svizzero, tant’è che l’ambiente è diventato un po’ la sua seconda casa: “Gli spettatori sugli spalti erano incredibili.

L’ovazione è stata fantastica. Ecco perché gioco, perché gioco ancora adesso a tennis” aveva dichiarato dopo l’uscita di scena nel terzo Grande Slam dell’annata. Nel doppio il riconoscimento è stato aggiudicato dalla coppia francese composta da Pierre-Hugues Herbert e Nicolas Mahut, vincitori per la prima volta in assoluto del premio.