Corretja: "Roger Federer è il simbolo della classe e dell'eleganza"



by   |  LETTURE 1985

Corretja: "Roger Federer è il simbolo della classe e dell'eleganza"

La stagione 2021 è andata in archivio con il trionfo della Russia in Coppa Davis. La squadra di Daniil Medvedev e Andrey Rublev ha concluso nel migliore dei modi l’anno, che era iniziato con il successo all’ATP Cup.

Il russo ha inoltre festeggiato il primo Major della sua carriera, essendosi aggiudicato gli US Open lo scorso settembre. Gli altri tre Slam sono finiti nella bacheca di Novak Djokovic, capace di scrivere ulteriori pagine di storia a 34 anni.

Il fenomeno serbo ha conquistato il suo 37° Masters 1000 e ha chiuso l’anno in vetta al ranking ATP per la settima volta in assoluto (staccando il suo idolo Pete Sampras). Non è stata una stagione indimenticabile per Roger Federer e Rafael Nadal, entrambi limitati da una serie di problemi fisici.

Lo svizzero si è operato al ginocchio per la terza volta negli ultimi 18 mesi, mentre lo spagnolo si appresta a tornare in campo ad Abu Dhabi. Il 35enne di Manacor non gioca addirittura dal torneo di Washington. In una lunga intervista ai microfoni di Eurosport, Alex Corretja ha analizzato la situazione dei Big 3.

Corretja fa il punto sui Big 3

“Penso che Novak Djokovic venga sempre un po’ frainteso. Non so se ciò dipenda dal suo carattere o dal modo in cui si comporta in campo. Fa cose che le persone tendenzialmente non capiscono” – ha spiegato Corretja.

Lo spagnolo ha parlato anche di Roger Federer e Rafael Nadal: “Roger è il simbolo della classe e dell’eleganza. Ha uno stile impeccabile e gli riesce tutto con estrema naturalezza. Per quanto riguarda Rafa, è il più grande combattente nella storia del tennis.

Possiamo soltanto ringraziare i Big 3 per tutto quello che hanno fatto per il nostro sport. Il loro lavoro è stato importantissimo sia dentro che fuori dal campo”. C’è grande attesa per il ritorno di Nadal, che ha giocato appena sette tornei ufficiali nel 2021.

“Dovrà usare la prima settimana degli Australian Open 2022 come preparazione. Ha bisogno di una fase di rodaggio, altrimenti rischia di fermarsi nuovamente”.