Roger Federer avanza verso la fine e verso la gloria eterna



by   |  LETTURE 3717

Roger Federer avanza verso la fine e verso la gloria eterna

Come ormai tutti sappiamo, Roger Federer dovrebbe tornare in campo solo nell'estate del 2022. Dopo l'ennesima operazione lo svizzero ha parlato in maniera quasi utopica del rientro in campo e la sua presenza nella prossima edizione di Wimbledon è in forte dubbio.

Probabilmente quella, in caso di presenza, potrebbe rappresentare l'ultimo atto di una carriera straordinaria andata avanti per circa venti anni e che ha deliziato orde di fan e folle entusiaste. In questi ultimi giorni appassionati, addetti ai lavori e tennisti hanno parlato della situazione e del futuro di Roger Federer.

Ormai si è sempre più consapevoli che siamo alle battute finali, per i fan l'addio sarà doloroso ed anche per gli esteti del gioco, coloro che ammirano da tempo la classe del talento elvetico. Nel corso degli anni Roger ha incarnato l'essenza di questo gioco, diventando messaggero del tennis nel mondo.

Nessuno sa quando sarà la data ufficiale del ritiro e probabilmente neanche Roger lo sa.

Roger Federer, la fine e la gloria

Nel corso di una recente intervista, l'ex tennista ceco Tomas Berdych, ex grande rivale anche di Roger, ha detto cose molto interessanti: "Roger Federer vuole tornare in campo un'ultima volta per i suoi fan e per loro ci vuole provare ancora, ma se non ci riuscirà continuerà ad essere comunque amato.

Ormai non ha nulla da dimostrare, sta a lui decidere come e quando terminare" Ormai Federer ha giocato davvero poco negli ultimi due anni e ha tutta l'esperienza necessaria per sapere che il suo rientro non sarà normale e la sua condizione sarà tutta da valutare.

Lui deve essere mentalmente pronto e ormai deve pensare che il suo prossimo torneo potrebbe essere l'ultimo, o anche addirittura un solo match prima di mettere la parola fine ad una straordinaria carriera. Ci sono tanti ragazzi, giovani tennisti che sognano di affrontare magari per l'ultima volta Roger Federer.

Una cosa senza dubbio è certa: Roger tornerà in campo e tutti, i suoi colleghi come i tifosi lo attendono con gioia ed entusiasmo. Questa sportivamente parlando è la fine di un mito, ma potrebbe essere una fine piena di gloria.