Medvedev: "È difficile per noi essere confrontati con Roger Federer e Rafael Nadal"



by   |  LETTURE 2138

Medvedev: "È difficile per noi essere confrontati con Roger Federer e Rafael Nadal"

Daniil Medvedev ha portato ancora una volta a casa un'importante vittoria in Coppa Davis. Il numero due al mondo sta trascinando a suon di successi la sua nazione verso la vittoria e nella finale la Russia sarà grande favorita per la vittoria del torneo, contro la Croazia.

Nonostante ciò e nonostante l'ennesima vittoria alcuni tifosi non hanno gradito l'esultanza di Medvedev al termine del match: Daniil ha esultato come faceva Cristiano Ronaldo ai tempi del Real Madrid ma non tutti hanno gradito.

In conferenza stampa Medvedev ha commentato questa situazione ed ha poi parlato di due grandi leggende di questo sport, ovvero Roger Federer e Rafael Nadal.

Medvedev e le parole su Federer e Nadal

Partendo dalle critiche per fine match Medvedev ha poi parlato di Federer e Nadal, ormai entrambi nella fase finale della propria carriera.

Ecco le sue parole: "Mi lascio trasportare dalle emozioni, a volte buone ed a volte cattive. È capitato altre volte, ma non ho mai voluto provocare il pubblico volontariamente, capita che quando giochi ci sono chi tifano per te e chi ti vanno contro.

Io non faccio mai nulla per far star male loro e se ho dato questa impressione mi scuso. Federer e Nadal? Penso che per tutti noi tennisti è molto difficile il confronto con loro, non solo per le vittorie ma anche perché sono due degli atleti più amati e corretti della storia dello sport.

Quando qualcuno non è come loro si tende a criticarlo ma bisogna capire che ognuno di noi è diverso. Penso che quando si ritireranno ci saranno nuovi fan che non avranno mai avuto la possibilità e l'onore di vederli e forse si inizierà a comprendere di più la nostra personalità"

In diverse occasioni della sua carriera Medvedev è stato criticato per il suo atteggiamento, soprattutto dentro il campo da gioco. Recentemente anche alle Finals non tutti avevano gradito il suo atteggiamento nella sfida da già qualificato contro il nostro Jannik Sinner.