Pella: "Sono un grande fan di Roger Federer, ma Novak Djokovic è più forte"



by   |  LETTURE 2457

Pella: "Sono un grande fan di Roger Federer, ma Novak Djokovic è più forte"

Guido Pella è uno dei tennisti più 'sinceri' del circuito. L'argentino dice sempre quello che pensa, anche a costo in certi casi di risultare 'antipatico' Con la stagione ormai giunta al termine il tennista sudamericano si sta godendo le prime meritate vacanze nel suo paese ed ai microfoni di ESPN ha raccontato di tanti temi rivelando il suo pensiero sulle limitazioni dovute al Covid o anche sul tennis e sui Big Three, esaltando Novak Djokovic.

Ecco le sue parole: "Sono un fan di Roger Federer, ma Novak Djokovic è migliore di Federer e Rafa Nadal. È più completo globalmente e soprattutto di testa è superiore. È un tennista unico, pochi atleti sono come lui, si cimenta della pressione, dice e vuole essere il numero uno e lo fa, gioca solo per il record e tutto ciò che dice si trasforma in realtà.

La sconfitta agli Us Open? Credo che abbia sentito la stanchezza mentale, in semifinale ha dovuto affrontare una battaglia con Zverev e parliamo comunque di un essere umano. Medvedev è il numero due ed è un grande tennista, se è in giornata può lasciarti fermo per 20 punti di fila, era il peggior avversario da sfidare in finale"

Pella sui Big Three e sul circuito

Il tennista argentino continua: "Djokovic, Federer e Nadal vogliono sempre migliorarsi, ho un buon rapporto con il coach di Nole Vajda che mi ha raccontato aneddoti riguardo Novak.

I tre sono autentiche belve del campo e vogliono migliorare continuamente. Loro cercano sempre di migliorarsi, sempre e comunque. Il circuito è molto competitivo, la felicità nel tennis dura cinque secondi, il tempo che saluti l'avversario ad inizio gara.

Capita che batti un Top 20 ed il giorno dopo perdi 6-0;6-0, la verità è questa ed il tuo corpo è in tensione per tutto il torneo. Quando perdi senti che non ne uscirai più e gli alti e bassi durano per tutta la tua carriera, è importante stare bene con se stessi e fare quelle attività che ti aiutano a stare bene sia dentro che fuori quando giochi"