Roger Federer: "Ecco come mi piacerebbe essere ricordato dalla gente"



by   |  LETTURE 2912

Roger Federer: "Ecco come mi piacerebbe essere ricordato dalla gente"

Roger Federer ha sofferto parecchio negli ultimi due anni a causa di un infortunio al ginocchio destro. Il fenomeno svizzero ha giocato la miseria di 13 partite ufficiali nel 2021, con un bilancio poco esaltante di nove vittorie e quattro sconfitte.

A Wimbledon si è spinto fino ai quarti, dove è stato sconfitto nettamente da Hubert Hurkacz sul Centre Court (rimediando anche un bagel nel terzo set). Qualche settimana più tardi, il Re ha annunciato di aver subito una ricaduta al ginocchio e di doversi operare per la terza volta nell’ultimo anno e mezzo.

Sebbene il Maestro abbia espresso il desiderio di tornare in campo, non esiste un piano preciso per il suo rientro nel tour. I fan si augurano che l’ex numero 1 ATP possa regalarsi almeno una passerella conclusiva nel 2022.

Negli ultimi dodici mesi, il 40enne di Basilea ha incassato l’aggancio di Rafael Nadal e Novak Djokovic a quota 20 Slam. Il serbo lo ha inoltre superato nella classifica all-time delle settimane in vetta al ranking ATP.

In una lunga intervista concessa a ‘Ringier’, Federer ha svelato come gli piacerebbe essere ricordato in futuro.

Federer conserva il suo ottimismo

“Spero di essere ricordato come un tennista elegante, corretto e spettacolare” – ha risposto l’otto volte campione di Wimbledon.

“Fuori dal campo, spero di aver dimostrato che si può avere successo senza smarrire i valori dell’umiltà, dell’educazione e della gentilezza” – ha aggiunto. Federer non teme il momento del ritiro: “Non esiste per me un finale da sogno.

Mi auguro soltanto di poter scegliere autonomamente quando dire basta. Sono sicuro che me ne renderò conto da solo. Non ho paura di ciò che succederà dopo aver lasciato il tour ATP, sarà una transizione graduale.

Mirka ed io abbiamo sempre gestito in maniera equilibrata il rapporto fra tennis, famiglia e amici. Questo è ciò che mi rende più orgoglioso”. L’elvetico è uscito dalla Top 10 per la prima volta dal 2017 e sembra improbabile la sua partecipazione agli Australian Open 2022. A Melbourne Roger ha vinto il suo ultimo Slam, risalente ormai al 2018.