Alcaraz: "Nadal è il mio idolo, ma somiglio più a Federer"



by   |  LETTURE 3235

Alcaraz: "Nadal è il mio idolo, ma somiglio più a Federer"

La stella assoluta delle Next Gen ATP Finals 2021 non ha deluso le aspettative e ha conquistato le semifinali dell’evento italiano ottenendo tre convincenti vittorie nel Gruppo A. Carlos Alcaraz sta rubando la scena anche a Milano, dove ha perso un solo set( quando ormai era certo del primo posto e della qualificazione, ndr), regalato grandi giocate agli appassionati di tennis e stabilito un nuovo record.

Lo spagnolo è diventato infatti il più giovane tennista a vincere trenta partite in una singola stagione dall’impresa compiuta da Rafael Nadal nel 2004. Il nome di Alcaraz viene spesso accostato a quello del 20 volte campione Slam; un paragone che rende orgoglioso il 18enne di Murcia, che però preferisce tenere i piedi ben incollati al suolo.

Alcaraz: "Nadal il mio idolo, ma somiglio più a Federer"

“Ho iniziato a giocare a quattro anni e fin da piccolo guardavo i migliori. Rafa, Novak Djokovic e Roger Federer” , ha dichiarato Alcaraz dopo la partita vinta contro Brandon Nakashima ai microfoni di Sky Sport.

“Quando ho cominciato a giocare guardavo sempre le loro partite. Ho sempre avuto un idolo che è Rafa. Durante tutti questi anni l’ho seguito molto. Poi crescendo, come stile di gioco, somiglio un po’ di più a Federer” .

Alcaraz ha infine espresso tutta la sua felicità per essere approdato alle semifinali delle Next Gen Finals. “Sono molto contento di giocare la semifinale qui a Milano. E sono molto felice del livello che sto esprimendo.

Sono davvero soddisfatto e, sopratutto, mi sto divertendo molto in campo” . La stagione di Alcaraz non terminerà con le Next Gen Finals, perchè Sergi Bruguera ha deciso di convocarlo per le Fasi Finale della Coppa Davis.

La Spagna non potrà contare su Nadal, ma avrà comunque a disposizione tennisti del calibro di Pablo Carreno Busta, Roberto Bautista Agut, Feliciano Lopez e appunto Alcaraz. Il team spagnolo è stato inserito nel Gruppo A insieme alla Russia di Daniil Medvedev e l'Ecuador.