Tsitsipas: "Sono sicuro che Roger Federer ci stupirà ancora una volta"



by   |  LETTURE 3350

Tsitsipas: "Sono sicuro che Roger Federer ci stupirà ancora una volta"

Roger Federer non è stato in grado di lasciare il segno quest’anno. Il fenomeno svizzero ha disputato la miseria di 13 match ufficiali da marzo fino a Wimbledon, raccogliendo nove vittorie e quattro sconfitte. L’ex numero 1 del mondo ha raggiunto i quarti di finale ai Championships, dove è stato sconfitto molto nettamente da Hubert Hurkacz sul Centre Court.

Qualche settimana più tardi, il 20 volte campione Slam ha annunciato di aver subito una ricaduta al ginocchio destro e di doversi operare per la terza volta nell’ultimo anno e mezzo. A dispetto delle indiscrezioni trapelate nelle scorse settimane, non esiste un piano preciso per il rientro di Re Roger nel tour.

Difficilmente il 40enne di Basilea prenderà parte agli Australian Open 2022, nonostante le recenti dichiarazioni di Darren Cahill. La speranza dei fan è che il Maestro possa regalarsi una passerella conclusiva prima di ritirarsi definitivamente.

Negli ultimi dodici mesi, Federer è stato raggiunto dagli eterni rivali Rafael Nadal e Novak Djokovic a quota 20 Slam. Il serbo lo ha inoltre superato nella classifica all-time delle settimane in vetta al ranking ATP.

Nel corso di una recente intervista a ‘Sport Bild’, Stefanos Tsitsipas ha analizzato la situazione della leggenda elvetica.

Tsitsipas è ottimista su Roger Federer

“Nessuno può sapere quale sarà il suo livello una volta rientrato nel circuito.

Nutro ancora grandissima fiducia in Roger Federer. Chi avrebbe mai pensato che sarebbe stato in grado di giocare fino a 40 anni? Di certo non io. Sono sicuro che tornerà ancora una volta” – ha dichiarato il tennista greco.

Tsitsipas sogna di vincere uno Slam nel 2022: “Il livello di questi tornei è incredibilmente alto. Qualsiasi giocatore fra i primi 10 ha le carte in regola per aggiudicarsi un Major. Il tennis è diventato uno sport molto fisico, in cui bisogna prestare attenzione ad ogni dettaglio.

Guardate cos’è successo a Dominic Thiem. Ha speso tantissime energie fisiche e mentali per trionfare agli US Open e le scorie si sono fatte sentire nei mesi successivi. La chiave è risparmiare le forze nei primi round”.