Kyrgios: "Roger Federer, Nadal e Djokovic non sono i miei avversari più duri"



by   |  LETTURE 4940

Kyrgios: "Roger Federer, Nadal e Djokovic non sono i miei avversari più duri"

Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic hanno dominato il tennis maschile nell’ultimo decennio e mezzo. La stagione 2021 si concluderà con i Big 3 a pari merito con 20 Slam ciascuno, dopo che il 34enne serbo ha fallito la chance del sorpasso agli ultimi US Open.

Il numero 1 del mondo si è aggiudicato tre Major su quattro nel 2021, avendo sfiorato il leggendario traguardo del ‘Calendar Grand Slam’. In caso di trionfo nella Grande Mela, il 34enne di Belgrado sarebbe diventato il secondo uomo nell’Era Open dopo Rod Laver a conquistare tutti e quattro i Major nello stesso anno.

Roger, Rafa e Novak sono un punto di riferimento per quasi tutti i giocatori del circuito maschile e affrontarli è il sogno della maggior parte di loro. Di recente, Nick Kyrgios ha preso parte ad una sessione di domande e risposte con i suoi fan su Instagram.

L’australiano non ha disputato una buona stagione, terminata con le deludenti parentesi agli US Open e alla Laver Cup. Un suo tifoso gli ha chiesto di nominare gli avversari più ostici che si sia trovato di fronte in carriera.

Kyrgios 'snobba' i Big 3

Contrariamente alle aspettative, Kyrgios non ha citato nessuno dei Big 3. Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic sono dunque rimasti fuori dalla sua lista. “Gli avversari più duri per me sono sempre stati Andy Murray e Kei Nishikori” – ha risposto il talento di Canberra.

Murray si è aggiudicato cinque dei sei scontri diretti con Nick, mentre Nishikori è avanti 4-0 nel bilancio degli head-to-head con Kyrgios. Quest’ultimo ha già annunciato che non tornerà in campo prima del 2022.

“Ho disputato probabilmente la mia ultima Laver Cup. Non so per quanto tempo continuerà la mia carriera. So per certo che questo è stato l’ultimo evento della mia stagione. Cercherò di recuperare una buona forma fisica in vista degli Australian Open.

Tornerò in Australia per riposarmi e per stare vicino a mia madre, che non sta molto bene ultimamente. Di sicuro, non mi vedrete nel tour per altri quattro o cinque anni”.