Clarey: "È lotta tra Roger Federer e Novak Djokovic per il GOAT"



by   |  LETTURE 2359

Clarey: "È lotta tra Roger Federer e Novak Djokovic per il GOAT"

Nessuno dei Big 3 è impegnato questa settimana nel Masters 1000 di Indian Wells. Roger Federer e Rafael Nadal hanno giocato pochissimo nel 2021 a causa di una serie di problemi fisici. Lo svizzero ha disputato appena 13 match ufficiali quest’anno, prima di operarsi nuovamente al ginocchio destro a causa di una ricaduta.

Lo spagnolo è stato invece limitato a sette tornei da un problema al piede, che lo ha condizionato soprattutto dal Roland Garros in poi. Il 35enne di Manacor ha provato un timido rientro sul cemento di Washington, ma si è dovuto arrendere al dolore.

I fan sperano di rivedere entrambi nel 2022. Diverso il discorso relativo a Novak Djokovic, che ha sfiorato il ‘Calendar Grand Slam’ in questa stagione. Dopo essersi arreso a Daniil Medvedev nella finale degli US Open, il serbo non è più tornato in campo.

Il numero 1 del mondo compare nella entry list di Parigi-Bercy ed è già qualificato per le ATP Finals di Torino, ma non è escluso che decida di restare ai box fino ai prossimi Australian Open. Nel corso di una recente intervista al portale ‘Tennis365’, il noto corrispondente del New York Times Christopher Clarey ha affrontato la questione relativa al GOAT.

Clarey non si pronuncia sul GOAT

“Non ho intenzione di decretare chi sia il più grande tennista di ogni epoca, dato che non esistono parametri oggettivi e condivisi da tutti quanti” – ha esordito Clarey.

“In termini di risultati e statistiche, Novak Djokovic può essere ritenuto il miglior giocatore di quest’epoca. Dal mio punto di vista, è stato sia un fardello che una benedizione per lui giocare nella stessa era di Roger Federer e Rafael Nadal.

Senza di loro, non sarebbe diventato il campione che è oggi” – ha aggiunto. Clarey ha avanzato pure la candidatura di Federer: “Se affrontiamo questo dibattito in una prospettiva più ampia, ecco che Roger può far valere le sue carte.

Non c’è dubbio che lo svizzero abbia avuto il maggior impatto sugli appassionati di sport in generale. La sua popolarità è nettamente superiore a quella di Djokovic”.