Woodbridge: "Djokovic vuole distanziare negli Slam Federer e Nadal"



by   |  LETTURE 1940

Woodbridge: "Djokovic vuole distanziare negli Slam Federer e Nadal"

Il 2021 di Novak Djokovic è stato quasi perfetto. Il numero uno al mondo ha vinto i primi 3 titoli dello Slam dell'anno ed ha visto le uniche due pesanti battute d'arresto ai Giochi Olimpici di Tokyo ed agli Us Open.

Se in Giappone è stato il tedesco Alexander Zverev a spegnere in semifinale le speranze di medaglia d'oro, a Flushing Meadows Nole è stato davvero ad un passo dal Calendar Grande Slam (impresa mai riuscita nell'era Open) ed a New York ha ceduto solo in finale al russo Daniil Medvedev.

Questi, dopo la sconfitta di inizio anno in finale a Melbourne, si è vendicato alla grande battendo in tre set nettamente il numero uno al mondo. Nole è apparso molto scosso dopo quella sconfitta ed ancora non si conosce la data del suo rientro.

Il serbo ha preferito non partecipare al torneo di Indian Wells mentre al momento è iscritto al Masters 1000 di Parigi Bercy. Le ultime indicazioni che arrivano dall'Australia preoccupano poi i fan del serbo: lo stato del Victoria in Australia ha annunciato qualche giorno fa l'obbligo di vaccinarsi per tutti gli atleti professionisti che metteranno piede nel loro paese, entro il 26 Novembre.

Visto la sua posizione contraria al vaccino obbligatorio c'è curiosità nel sapere se Novak parteciperà all'evento, anche perché al momento nessuno sa se Djokovic sia già vaccinato o no.

Le parole di Todd Woodbridge su Novak Djokovic

Nel corso di una lunga intervista ai microfoni di Wide World of Sports Tony Woodbridge ha parlato della possibile assenza di Djokovic a Melbourne. In relazione a ciò Woodbridge ha dichiarato: "Penso che, con cosi tanto in gioco per Novak, lui ci penserà bene e seriamente.

Attualmente ha 20 Slam come Federer e Nadal, ma penso che il suo obiettivo sia diffondere gap e distanziare gli altri due membri dei Big Three. Penso che lui sia molto interessato a venire in un torneo dove ha vinto cosi tanto ed ha grandi possibilità di continuare. Sarebbe uno shock per me sapere che lui non venga in Australia"