Toni Nadal: "L'ego di Djokovic lo differenzia da Federer e Nadal"



by   |  LETTURE 7637

Toni Nadal: "L'ego di Djokovic lo differenzia da Federer e Nadal"

Novak Djokovic, Roger Federer e Rafael Nadal vengono considerati i Big Three, quelli che durante la stessa epoca sono diventati i tre tennisti più vincenti di sempre. Sessanta Slam diviso tre, tanti successi e record in una lotta che ha abbagliato ed emozionato tutti i fan del mondo del tennis negli ultimi anni.

Inizialmente c'erano solo Federer e Nadal, la cosiddetta 'Fedal', un duello tra il re della terra battuta e la tecnica e la magia del campione svizzero. Pian piano si è fatto strada il campione serbo, numero uno ormai da tempo, che ha raggiunto ed in certe cose superato i suoi due grandi avversari.

Nonostante tutto c'è una grande fetta della popolazione di appassionati di tennis mondiale che non è riuscito ad accettare il dominio del serbo ed anzi si è trovato spesso a criticare/contestare la sua leadership all'interno del circuito mondiale.

Nole ha sempre sofferto tutto ciò e nell'ultima finale degli Us Open, quella che lo ha visto perdente ed anche abbastanza nettamente contro il russo Medvedev, si è arreso alla commozione quando il pubblico ha iniziato interamente ad applaudirlo e fare il!

tifo per lui.

Toni Nadal sulle differenze tra Djokovic e Federer e Nadal

Intervenuto nel corso del podcast Tres Iguales Toni Nadal, zio ed ex coach del campione maiorchino, ha provato a commentare il motivo per il quale il pubblico non era quasi mai dalla parte dell'attuale numero uno al mondo: "Credo che Nole sia stato danneggiato dal fatto che lui sia entrato in vetta quando ormai era già rimarcata da tempo la sola rivalità tra Roger Federer e Rafael Nadal.

La Fedal ha abbagliato le persone, stili opposti, tecniche diverse e personalità diverse, la gente era entusiasta di vedere solo loro due in lotta. Oltre a ciò credo anche che l'ego di Nole e comportamenti sia in campo che fuori dal campo lo abbiano danneggiato, erano comportamenti incompatibili con il ruolo di numero uno al mondo" Nonostante questa critica 'Zio Toni' ha confermato di avere un ottimo rapporto con il campione balcanico.