Rune: "Non sogno la Top 20, voglio essere come Federer, Djokovic e Nadal"



by   |  LETTURE 5689

Rune: "Non sogno la Top 20, voglio essere come Federer, Djokovic e Nadal"

Il giovane e promettente tennista danese Holger Rune è considerato tra i principali NextGen del circuito ed in una recente intervista ha dichiarato che il suo obiettivo è diventare numero uno al mondo. L'atleta nordico ha inoltre affermato che Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic, ovvero i Big Three, sono le sue fonti di ispirazione.

Rune ha disputato una buona prima stagione tra i professionisti, ha disputato ben quattro finali di Challenger Atp e due Quarti di finale di tornei Atp. Oltre a questo va ricordata la sua grande carriera a livello juniores dove ha vinto il Roland Garros 2019 e dove è stato numero uno al mondo.

Intervenuto ai microfoni di We Love Tennis il tennista ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: "Il mio sogno non è essere tra i primi 20 al mondo, ma essere il migliore come lo sono stati Federer, Djokovic e Nadal e voglio vincere tanti Slam e fare il meglio possibile nella storia di questo sport.

Penso di avere grande potenziale, ho un grande team che mi aiuta e di cui mi fido e penso che questa sia una delle cose più importanti. Ovviamente la strada è ancora lunga, ma sono pronto a percorrerla"

Rune sul match contro Novak Djokovic

Quest'anno, agli Us Open 2021, Holger Rune ha avuto la possibilità di confrontarsi contro il numero uno al mondo Novak Djokovic ed è riuscito addirittura a strappare un set al venti volte vincitore di titoli del Grande Slam con la sfida che si è conclusa 6-1;6-7;6-2;6-1 per Novak Djokovic.

A riguardo Rune ha commentato: "È stato fantastico tutto ciò, non avevo mai provato nulla del genere. Le sensazioni erano incredibili, ho provato a dare qualcosa di mio al pubblico, lottavo per ogni punto ed adoravo essere acclamato.

La folla era incredibile e penso che non potevo chiedere di più a quel match, è stato tutto incredibile" Rune ha poi parlato di Novak Djokovic: "La cosa straordinaria è la sua continuità nel corso della partita, non ti regala mai nulla e devi vincere ogni punto da solo, lottando.

Soprattutto devi dare tutto con il servizio altrimenti lui risponde alla seconda dà dentro il campo e ti mette davvero sotto pressione. È un avversario difficilissimo da affrontare"