Musetti e la passione per Roger Federer: "Lo studio, voglio essere come lui"



by   |  LETTURE 5662

Musetti e la passione per Roger Federer: "Lo studio, voglio essere come lui"

Lorenzo Musetti è uno dei giovani talenti del tennis italiano e sebbene stia vivendo un momento difficile è considerato un atleta di grande prospettiva per il futuro di questo sport. In questa stagione Musetti ha vissuto momenti straordinari raggiungendo le semifinali sia ad Acapulco che a Lione ma soprattutto l'exploit al Roland Garros dove è stato ad un passo dall'impresa contro il numero uno al mondo Novak Djokovic.

L'azzurro ha vinto i primi due set per poi crollare alla distanza davanti ai colpi del campione serbo. Successivamente il tennista azzurro è incalanato in una serie di sconfitte consecutive ed è tornato a vincere un match agli Us Open.

Musetti ha rivelato le sue sensazioni ai microfoni della Gazzetta dello Sport.

Musetti parla dei suoi problemi e del suo idolo

Parlando alla rosea il tennista azzurro ha dichiarato: "Il mio modello è senza dubbio Roger Federer.

Lo studio da tempo e sono un suo grande fan, voglio essere come lui in tutto, sia fuori che dentro dal campo" Parlando della sua situazione di forma il carrarino ha dichiarato: "Ho avuto un brutto periodo negli ultimi mesi, mi sono lasciato con la mia ragazza e non volevo più giocare a tennis.

Poi ho deciso di andare dallo psicologo e le cose sono andate meglio" Riguardo al numero uno al mondo Novak Djokovic Musetti ha parlato con grande stima ed ha affermato: "L'ho visto agli Us Open, credevo che lui fosse immortale ma ho visto che anche lui si è dovuto arrendere alla grande pressione.

Nole è una persona speciale e devo dire che a Flushing Meadows ho fatto il tifo per lui e speravo riuscisse a completare il Calendar Grande Slam. Non ho visto tutta la partita, ammetto di aver dormito ma fin dall'inizio l'ho visto molto teso.

Mi è dispiaciuto per lui anche se va detto che Daniil Medvedev ha meritato il successo, ha giocato un torneo straordinario" La finale degli Us Open ha visto Djokovic arrendersi in tre set, crollando con il risultato di 6-4;6-4;6-4 a favore dell'attuale numero due al mondo.