Roger Federer, l’uscita dalla top 10 è ormai imminente



by   |  LETTURE 4549

Roger Federer, l’uscita dalla top 10 è ormai imminente

Stagione ben sotto le aspettative quella dell’ex numero uno del mondo Roger Federer, che nel 2021 ha preso parte solo a cinque tornei senza raggiungere nemmeno una semifinale. Classe 1981, il fuoriclasse di Basilea è tornato a giocare a Doha, in Qatar, dopo un’assenza dal circuito durata poco più di un anno.

Qui ha sconfitto Daniel Evans in tre set, prima di perdere in rimonta con il futuro vincitore dell’evento Nikoloz Basilashvili. Quindi, lo svizzero si è presentato per la prima volta in carriera all’Open di Ginevra, dove è uscito subito per mano dello spagnolo Pablo Andujar.

Arrivato al Roland Garros di Parigi senza nemmeno una vittoria sulla terra battuta, Roger ha battuto Denis Istomin, Marin Cilic e Dominik Koepfer prima di dare forfait in occasione dell’incontro col nostro Matteo Berrettini, a causa di un problema fisico.

Arrivato ad Halle, torneo da lui conquistato dieci volte, Federer si è fermato nel primo match contro il giovane Félix Auger-Aliassime, dopo aver vinto il primo set. A Wimbledon, evento cancellato nel 2020, il quarantenne elvetico ha avuto la meglio di Adrian Mannarino, Richard Gasquet, Cameron Norrie e Lorenzo Sonego, ma si è dovuto arrendere contro Hubert Hurkacz con il duro punteggio di 6-3 7-6 6-0.

Una nuova pausa

Assente alle Olimpiadi di Tokyo, Roger ha fatto sapere dopo poche settimane di doversi sottoporre ad un ennesimo intervento chirurgico al ginocchio destro e che per questo motivo dovrà rinunciare al resto della stagione: una dura notizia per tutti gli appassionati dello svizzero, che dovranno sopportare un’ulteriore lontananza del loro beneamino dai campi da tennis.

Perciò, considerando i punti guadagnati da Roger due anni fa a Indian Wells (300) e quelli a Shanghai (180), ci sono grandi probabilità che l’otto volte campione di Wimbledon esca dalla top 10 mondiale tra poche settimane.

Si tratterebbe della prima volta da gennaio 2017, quando cioè arrivò a vincere gli Australian Open dopo essere stato sei mesi lontano dal circuito professionistico. Photo Credit: Eurosport