Roger Federer: "Non posso permettermi di non ascoltare il mio corpo"



by   |  LETTURE 5799

Roger Federer: "Non posso permettermi di non ascoltare il mio corpo"

Gli appassionati di tennis hanno avuto la chance di rivedere Roger Federer, seppur in borghese, durante la quarta edizione della Laver Cup. Il fenomeno svizzero è volato a Boston per supportare il Team Europe, che ha conquistato facilmente il suo quarto successo di fila nella manifestazione.

L’ex numero 1 del mondo non scende in campo da Wimbledon, in cui ha raggiunto i quarti di finale prima di arrendersi nettamente a Hubert Hurkacz. L’ex numero 1 del mondo è stato costretto ad operarsi per la terza volta al ginocchio destro, una scelta sofferta ma necessaria per tentare di ripresentarsi in discreta forma nel 2022.

Al momento non vi sono garanzie sul rientro di Re Roger nel tour, ma il 20 volte campione Slam non ha mai abbandonato il suo proverbiale ottimismo. Ricordiamo che il 40enne di Basilea ha potuto giocare soltanto 13 incontri ufficiali nel 2021, con un bilancio poco soddisfacente di nove vittorie e quattro sconfitte.

In una lunga intervista a ‘GQ Magazine’, l’elvetico ha spiegato di dover prestare grande attenzione ai segnali che il suo fisico gli invia.

Federer parla delle sue condizioni fisiche

“In passato ho avuto frequenti problemi alla schiena, ma sono sempre stato in grado di metterci una pezza.

Con il passare del tempo, sono sopraggiunti acciacchi di altro tipo” – ha illustrato l’otto volte campione di Wimbledon. “La più grande differenza rispetto a quando avevo 20 anni? Se avevo un problema alla schiena all’epoca, bastavano un paio di giorni di riposo e il gioco era fatto.

Adesso non è più così! Il dolore può durare per giorni, se non addirittura per intere settimane. Questo aspetto incide notevolmente sui tuoi allenamenti e sulla tua programmazione. Nel momento in cui inizi ad invecchiare, devi essere più selettivo riguardo a ciò che puoi fare in allenamento e nei tornei.

Devi effettuare tutta una serie di scelte che non erano necessarie quando eri più giovane. È fondamentale ascoltare il tuo fisico e interpretare bene i segnali che ti manda” – ha continuato Federer, intenzionato a partecipare alla Laver Cup 2022.