Kyrgios: "Rimpiango ancora quel match point sciupato contro Roger Federer"



by   |  LETTURE 5006

Kyrgios: "Rimpiango ancora quel match point sciupato contro Roger Federer"

Manca ormai pochissimo alla quarta edizione della Laver Cup, che andrà in scena nel weekend al TD Garden di Boston. Dopo la cancellazione dello scorso anno per via della pandemia, è una bellissima notizia che questa spettacolare manifestazione sia tornata in calendario.

Il Team Europe si è aggiudicato tutte e tre le edizioni finora disputate, ma stavolta potrebbe esserci maggiore equilibrio. Spiccano infatti le assenze illustri di Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic, che per motivi differenti non potranno prendere parte all’evento.

Lo svizzero e lo spagnolo sono ancora ai box per infortunio e non torneranno in campo prima dell’inizio del 2022. Il fenomeno serbo, dal canto suo, è reduce dalla tremenda delusione patita agli US Open, dove ha fallito l’assalto al ‘Calendar Grand Slam’ ad un passo dal traguardo.

Alla vigilia della Laver Cup 2021, è stato chiesto a tutti i giocatori partecipanti di svelare il loro ricordo preferito associato a questa kermesse. Nick Kyrgios, pronto a guidare il Team World anche quest’anno, ha selezionato la sua emozionante partita contro Federer nel 2017.

L’ex numero 1 del mondo si impose per 11-9 al super-tiebreak, consegnando la vittoria alla sua squadra.

Kyrgios è già carico per la Laver Cup

“Quel match decisivo contro Roger Federer è senza dubbio il mio ricordo preferito legato alla Laver Cup” – ha ammesso Kyrgios nonostante la sconfitta.

“Si tratta di una partita che ancora oggi la gente si ricorda perfettamente, dato che abbiamo offerto uno spettacolo a dir poco entusiasmante. Non ho dubbi che quella sfida resterà per sempre nella storia della Laver Cup” – ha aggiunto.

L’australiano ha sottolineato come tutti i giocatori prendano l’evento con la massima serietà: “Prima che andasse in scena l'edizione inaugurale, c’erano tante domande sul livello di energia e intensità dei partecipanti.

Tutte queste perplessità sono state spazzate via già durante la prima edizione. Basti pensare che Roger Federer, una leggenda che non ha bisogno di dimostrare nulla in questo sport, ha dato il massimo per battermi e regalare la vittoria al suo team.

Ho ancora dei rimpianti per quel match point non sfruttato. Se avessi vinto quell’incontro, ci saremmo giocati tutto nel doppio decisivo”.