Roger Federer: "È stato bellissimo vedere Rod Laver in tribuna a New York"



by   |  LETTURE 7762

Roger Federer: "È stato bellissimo vedere Rod Laver in tribuna a New York"

Roger Federer non prenderà parte alla quarta edizione della Laver Cup, che andrà in scena al TD Garden di Boston fra pochissimi giorni. L’ex numero 1 del mondo si è operato per la terza volta al ginocchio destro e non tornerà in campo prima del 2022.

Il fuoriclasse svizzero ha giocato appena 13 incontri ufficiali in questa stagione, con i quarti a Wimbledon come miglior risultato lo scorso luglio. Il 20 volte campione Slam spera di potersi concedere almeno un’ultima passerella, in modo da chiudere degnamente una carriera quasi irripetibile.

Durante l’ultimo anno e mezzo, parecchi dei record di Re Roger sono stati eguagliati o addirittura superati. Gli eterni rivali Rafael Nadal e Novak Djokovic lo hanno infatti agganciato a quota 20 Slam, con il serbo che ha avuto addirittura la chance di mettere la freccia agli US Open 2021.

Il 34enne di Belgrado ha inoltre battuto il record all-time di settimane in vetta al ranking ATP. In caso di trionfo nella Grande Mela, Nole sarebbe diventato il secondo uomo nell’Era Open dopo Rod Laver ad aggiudicarsi tutti e quattro i Major nello stesso anno.

In un recente incontro con Mercedes, di cui è testimonial, il 40enne di Basilea ha commentato il Grande Slam mancato da Djokovic per un soffio.

Federer dovrebbe tornare in campo nel 2022

“Rod Laver è un esempio per qualsiasi tennista, è una vera leggenda dello sport.

Sono davvero grato a lui e a tutti i giocatori di quella generazione per il lavoro che hanno svolto” – ha dichiarato Federer. “È stato emozionante vederlo in tribuna a New York per la finale degli US Open, mentre Novak Djokovic stava cercando di eguagliare il suo Grande Slam.

Io penso che quest’impresa verrà realizzata un giorno. Io, Novak e Rafael Nadal ci siamo andati molto vicini, ma per riuscirci c’è bisogno anche di un pizzico di fortuna. In ogni caso, ritengo che il 2021 di Djokovic sia stato un anno davvero eccezionale” – ha aggiunto l’otto volte campione di Wimbledon. L’ultimo trionfo di Roger in uno Slam risale ormai agli Australian Open 2018.