Becker: "Ci siamo abituati a parlare solo di Roger Federer, Nadal e Djokovic"



by   |  LETTURE 3050

Becker: "Ci siamo abituati a parlare solo di Roger Federer, Nadal e Djokovic"

I Big 3 sono stati la principale attrazione del circuito maschile nell’ultimo decennio e mezzo. Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic hanno infranto la maggior parte dei record, oltre ad essere appaiati a quota 20 Slam ciascuno.

Il fenomeno serbo ha avuto la ghiottissima chance per superare gli eterni rivali agli US Open domenica scorsa, ma si è arreso nettamente in finale contro il russo Daniil Medvedev. Il numero 1 del mondo resta quello con le maggiori possibilità di vincere altri Major, anche se la concorrenza dei Next Gen inizia a farsi sentire anche per il 34enne di Belgrado.

Roger e Rafa sono invece molto lontani dai fasti di un tempo, per via dell’età e dei numerosi problemi fisici che li hanno tormentati negli ultimi mesi. Lo svizzero si è dovuto operare per la terza volta al ginocchio destro, mentre lo spagnolo sta cercando di risolvere un infortunio al piede che lo ha limitato a sette tornei in tutto il 2021.

Entrambi dovrebbero tornare in azione nel 2022. Durante una lunga intervista ai microfoni di Eurosport, l’ex campione tedesco Boris Becker ha illustrato come i fan e gli addetti ai lavori debbano iniziare ad abituarsi a nuovi volti.

Becker è ottimista per il futuro

“Se andiamo per logica, Novak Djokovic continuerà ad avere un ruolo importante anche il prossimo anno. Mi auguro che Roger Federer e Rafael Nadal si riprendano al più presto e tornino competitivi, ma non si può negare che ormai ci siano tanti giovani in rampa di lancio” – ha analizzato Becker.

“Basti pensare a giocatori come Alcaraz, Rune, Sinner, Auger-Aliassime, senza dimenticare ovviamente Alexander Zverev, Daniil Medvedev e Stefanos Tsitsipas. Tutti questi ragazzi sono pronti a dominare il tennis maschile nei prossimi anni.

Ci sarà una grande incertezza, non avremo più soltanto tre nomi. Sono 15 anni che parliamo soltanto di Federer, Nadal e Djokovic, perché hanno vinto tutto e hanno battuto qualsiasi tipo di record. Ora dobbiamo abituarci a parlare dei tennisti della nuova generazione, in modo che anche i fan si appassionino alle loro storie” – ha aggiunto il mitico Boris.