Schwartzman: "Roger Federer, Nadal e Djokovic fanno ancora la differenza"



by   |  LETTURE 3482

Schwartzman: "Roger Federer, Nadal e Djokovic fanno ancora la differenza"

Diego Schwartzman è stato senza alcun dubbio il tennista argentino di riferimento nelle ultime stagioni. Aldilà delle difficoltà fisiche che hanno impedito a Juan Martin del Potro di giocare con regolarità, ‘El Peque’ ha dimostrato di meritare un’enorme considerazione nel suo paese grazie al duro lavoro quotidiano e ad una tenacia fuori dal comune.

Il 2020 ha rappresentato la stagione migliore in assoluto per Diego, almeno fino ad ora, avendo raggiunto la semifinale al Roland Garros ed essendosi qualificato per le ATP Finals di Londra per la prima volta nella sua carriera.

Impossibile non ricordare la finale raggiunta agli Internazionali BNL d’Italia, dopo aver battuto anche il re della terra rossa Rafael Nadal lungo il cammino. Alla vigilia del suo impegno in Coppa Davis con la sua Argentina, Schwartzman ha raccontato di come non sia stato per nulla semplice per i tennisti sudamericani continuare a giocare dopo lo scoppio della pandemia.

Il giocatore albiceleste si è soffermato anche sul dominio di Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic, la cui era potrebbe essersi definitivamente conclusa.

Schwartzman teme ancora i Big 3

“Per i sudamericani è stato molto complicato mantenersi ad un livello alto, vista la situazione con cui abbiamo dovuto fare i conti nell’ultimo anno e mezzo.

Il fatto di stare per così tanto tempo lontani da casa e praticamente senza attrezzature di ricambio, è stato uno sforzo enorme per tutti noi. Anche se è vero che lo scorso anno ho raggiunto la Top 10, non mi sento a mio agio in questo contesto e porto con me due sole persone nei vari tornei.

I giocatori europei, dal canto loro, hanno il vantaggio di poter tornare a casa dopo aver giocato. Credo sia questo il motivo per cui tanti ragazzi non sono riusciti ad esprimersi al meglio” – ha illustrato Schwartzman.

Il discorso si è poi spostato sui Big 3: “Roger Federer e Rafael Nadal hanno avuto degli infortuni quest’anno, mentre Novak Djokovic è ancora ad un livello molto alto. Se stanno bene fisicamente, sono ancora in grado di fare la differenza”.