La statistica che mostra la superiorità di Djokovic su Federer e Nadal



by   |  LETTURE 10835

La statistica che mostra la superiorità di Djokovic su Federer e Nadal

I record sono fatti per essere battuti, ma i traguardi che continua a raggiungere Novak Djokovic saranno difficilmente alla portata dei tennisti delle prossime generazioni. Numeri incredibili per un giocatore che ha fatto la storia negli anni passati (l’apice sicuramente nel tra il 2015 ed il 2016 con la conquista di tutti e quattro i tornei Slam nella stessa stagione (e non anno)) ed è riuscito a dare continuità nei risultati, confermandosi ai massimi livelli anche in queste ultime annate.

Per 337 settimane in vetta alla classifica Atp, il serbo può scrivere un’altra pagina della sua storia nel weekend agli Us Open 2021: nella competizione newyorkese si è spinto nuovamente in semifinale e punta alla vittoria del titolo, che gli porterebbe a compiere il ‘Calendar Grand Slam’, avendo già messo in bacheca Australian Open, Roland Garros e Wimbledon.

La concorrenza però comincia a farsi numerosa e molto tosta, considerando che il numero uno del mondo ha fallito il colpo del ‘Golden Slam’ a causa della sconfitta a Tokyo 2020 con Alexander Zverev. Al meglio dei 5 set, formula che vale solo per gli appuntamenti prestigiosi, il giocatore di Belgrado sta comunque dimostrando di avere ancora una marcia in più rispetto ai suoi avversari.

Dovrà averla pure nelle prossime due partite, la prima proprio col campione olimpico tedesco, per diventare leggenda, visto che soltanto Rod Laver riuscì a fare il Grande Slam per due volte nel corso della carriera.

La statistica che esalta Djokovic

Nole può andare fiero dei suoi dati e uno di questi certifica la sua superiorità sugli altri campioni. Djokovic ha una grandissima efficienza nel raggiungere le semifinali di tornei Slam: su 66 partecipazioni, 42 volte si è reso protagonista ed è avanzato nel tabellone fino alla fase finale, corrispondente al 63.64%.

La percentuale è la più alta dell’intera era Open, battendo di gran lunga Björn Borg, Roger Federer, Ken Rosewall e Rafael Nadal. Una statistica che potrebbe addirittura migliorare nella stagione successiva, dato il suo buonissimo stato fisico, la capacità di giocare il miglior tennis in qualsasi superficie e la possibilità di sfruttare la testa di serie numero 1 nei tornei.