Roger Federer: "La mia vita dopo il tennis è già delineata"



by   |  LETTURE 21696

Roger Federer: "La mia vita dopo il tennis è già delineata"

Gli appassionati di tennis si immaginavano qualcosa di più dal ritorno nel tour di Roger Federer. L’ex numero 1 del mondo non è invece riuscito a bissare il miracolo del 2017, manifestando anzi i primi segnali di un evidente crollo fisico.

Il fuoriclasse svizzero, operatosi due volte al ginocchio destro nel 2020, ha disputato la miseria di 13 partite in tutta la stagione, con i quarti a Wimbledon come miglior risultato ottenuto lo scorso luglio. Troppo poco per una leggenda del suo calibro.

Come se ciò non bastasse, una ricaduta al ginocchio ha obbligato il 20 volte campione Slam a chiudere anticipatamente il suo 2021. Nella serata di domenica 15 agosto, il 40enne di Basilea ha annunciato che dovrà sottoporsi ad un nuovo intervento per migliorare il suo benessere fisico.

Re Roger non ha escluso un suo ritorno in campo l’anno prossimo, ma non vi sono garanzie vista l’età e gli innumerevoli acciacchi patiti negli ultimi due anni. In una lunga intervista concessa a ‘Schweizer Illustrierte’, Federer ha elencato i suoi progetti post-ritiro.

Re Roger ha tantissime idee per il futuro

“Il tennis ha rappresentato una porzione enorme della mia vita, non ci sono dubbi. Ho in mente tante cose da fare dopo che mi sarò ritirato” – ha ammesso l’otto volte campione di Wimbledon.

“Mi piacerebbe tantissimo scoprire i parchi più belli del mondo insieme ai miei figli, Mirka ed io lo abbiamo sempre desiderato. Quel momento potrebbe essere vicino. Vorrei imparare anche a suonare uno strumento.

Da piccolo mi divertivo con il pianoforte, ma adesso mi incuriosisce il sassofono. Non sarebbe male nemmeno imparare a sciare, non ci sono mai riuscito. Avevo fatto un tentativo da ragazzo, prima di smettere 12 anni fa quando ho contratto la mononucleosi.

Sarei felice di provare lo snowboard, così come le immersioni subacquee. A dire il vero, non sono proprio coraggiosissimo in questo ambito. Vivere senza tutti gli obblighi a cui è sottoposto un giocatore sarà un’esperienza interessante” – ha spiegato Federer. L’auspicio di tutti è quello di rivedere il Maestro almeno per una passerella conclusiva nel 2022.