Wilander: "Carlos Alcaraz mi ha ricordato Roger Federer"



by   |  LETTURE 6845

Wilander: "Carlos Alcaraz mi ha ricordato Roger Federer"

Carlos Alcaraz non dimenticherà mai questa edizione degli US Open, indipendentemente dall’esito del suo cammino. La giovane promessa spagnola si è tolta la soddisfazione di eliminare il numero 3 ATP Stefanos Tsitsipas al terzo round, imponendosi al quinto set e dimostrando una maturità degna dei grandi fuoriclasse.

Il pupillo di Juan Carlos Ferrero ha ricevuto un supporto straordinario dall’Arthur Ashe Stadium, complici anche le polemiche generate dal suo avversario nel corso del torneo. Carlos ha superato anche la prova del nove, dato che negli ottavi si è sbarazzato del qualificato Gojowczyk nonostante un avvio a rilento.

“Sono il più giovane a raggiungere i quarti a New York nell’Era Open? È una bella cosa, ma se poi non si ottengono risultati importanti non conta molto. Ogni giocatore ha il suo percorso e i conti si faranno alla fine” – ha dichiarato Alcaraz, che ora se la vedrà con Felix Auger-Aliassime per un posto in semifinale.

In una recente intervista a L’Equipe, Mats Wilander ha ammesso di aver notato una somiglianza tra l’iberico e Roger Federer.

Wilander impressionato da Carlos Alcaraz

“Nel corso del match contro Stefanos Tsitsipas, Carlos Alcaraz mi ha ricordato Roger Federer” – ha esordito l’ex campione svedese.

“Sul 6-4 nel tiebreak del quinto set, ha voluto tentare un pallonetto quando avrebbe potuto fare un passante non troppo complicato. Mi ha ricordato quello che fece Roger Federer durante la semifinale degli Australian Open 2005 contro Marat Safin.

Entrambi mi hanno dato la sensazione che godersi ogni istante della partita fosse più importante della ricerca del successo. Inoltre, mi piace il fatto che Alcaraz sia sempre fedele al suo piano tattico, non improvvisa cose stupide, anzi è molto intelligente nelle sue scelte.

Se la sua progressione continuerà in questa maniera, allora posso assicurare che saranno guai seri per tutti i suoi avversari” – ha aggiunto Wilander. Federer non è presente agli US Open nemmeno quest’anno, avendo deciso di operarsi al ginocchio destro per la terza volta.

La speranza è che il 20 volte campione Slam possa tornare in campo nel 2022 e chiudere degnamente la sua immensa carriera.