Courier: "Anche i fan di Roger Federer e Rafael Nadal dovrebbero tifare per Djokovic"



by   |  LETTURE 5306

Courier: "Anche i fan di Roger Federer e Rafael Nadal dovrebbero tifare per Djokovic"

Novak Djokovic ha la possibilità di scrivere l’ennesima pagina di storia in questa edizione degli US Open. Il numero 1 del mondo insegue il sogno di realizzare il ‘Calendar Grand Slam’, un’impresa riuscita una sola volta nell’Era Open (a Rod Laver nel lontano 1969).

Essendosi aggiudicato i primi tre Major della stagione, il fenomeno serbo è il grande favorito anche a New York, dove ha trionfato per ben tre volte durante la sua carriera. Il 34enne di Belgrado ha superato con relativo agio i primi tre round a Flushing Meadows, incontrando qualche difficoltà soltanto all’inizio del match contro Kei Nishikori.

Dopo aver ceduto il primo parziale al tiebreak, Nole ha innalzato i giri del suo motore archiviando la pratica senza spendere troppe energie. In caso di trionfo nella Grande Mela, Djokovic si isserebbe a quota 21 Slam scavalcando così gli eterni rivali Roger Federer e Rafael Nadal.

Lo svizzero e lo spagnolo sono entrambi assenti per infortunio e non torneranno in campo prima del 2022. Parlando su Tennis Channel nei giorni scorsi, l’ex campione americano Jim Courier ha spiegato che tutti gli appassionati di tennis dovrebbero tifare per Novak in queste due settimane newyorkesi.

Courier fa il tifo per Novak Djokovic

“Vorrei esprimere un concetto su cui molti non saranno d’accordo” – ha esordito l’ex numero 1 ATP. “Mi dispiace per i fan di Roger Federer e Rafael Nadal, ma tutti dovrebbero incoraggiare Novak Djokovic e sperare che riesca a completare il Grande Slam.

Sarebbe fantastico per lo sport in generale. Un’impresa di tale portata non avrebbe ripercussioni soltanto sulla sua carriera, ma la risonanza sarebbe immensa anche al di fuori del tennis” – ha aggiunto Courier.

Il 20 volte campione Slam ha sempre saputo di poter realizzare qualcosa di grande: “Quando ho conquistato quattro Major di fila a cavallo tra il 2015 e il 2016, ho capito che avrei avuto la possibilità di fare il Grande Slam un giorno.

Sono migliorato su tutte le superfici e l’esperienza mi ha dato una mano a gestire i vari momenti. Farò tutto il possibile per riuscirci”.