Zverev, dal dominio dei Big 3 alla prossima edizione degli US Open



by   |  LETTURE 2202

Zverev, dal dominio dei Big 3 alla prossima edizione degli US Open

Alexander Zverev sarà sicuramente uno dei grandi favoriti agli US Open. Il tennista tedesco ha conquistato la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Tokyo e vinto il Masters 1000 di Cincinnati esprimendo un ottimo livello di gioco.

Tutti questi importanti traguardi potrebbero avere un impatto significativo sulle prestazioni di Zverev, che sembra aver fatto il definitivo salto di qualità anche dal punto di vista mentale. L’attuale numero 4 del mondo è stato sorteggiato nella parte alta del tabellone, la stessa di Novak Djokovic, e all’esordio affronterà Sam Querrey.

Il cammino di Zverev potrebbe subire una forte impennata già a partire dal terzo turno, dove dovrebbe incontrare Alexander Bublik. Nello stesso ottavo di finale del tennista tedesco sono poi stati inseriti Gael Monfils e Jannik Sinner.

In conferenza stampa, Zverev è partito proprio dall’oro olimpico vinto a Tokyo.

Zverev: "Quello che hanno fatto i Big 3 accade una volta nella storia"

"È stata un'estate incredibile per me, mi sento benissimo.

Aver conquistato l'oro olimpico è qualcosa di impressionante, surreale; sono pochissime le persone che raggiungono questo obiettivo nel mondo del tennis", ha detto Zverev. "Non ci saranno Roger Federer e Rafael Nadal? Ovviamente non avere Roger o Rafa qui è negativo per tutti quelli che amano questo sport.

Ci mancano molto e vorremmo sempre giocare contro di loro, ma a un certo punto si ritireranno. Il dominio che i Big 3 hanno avuto per più di 15 anni è qualcosa che potremmo non vedere di nuovo. Non credo che nasceranno un nuovo Djokovic, un nuovo Federer e un nuovo Nadal nella mia generazione.

Non vinceremo 20 Grandi Slam a testa, ma ci divideremo i titoli. Quello che hanno fatto questi ragazzi accade una volta nella storia. Credo che noi giovani abbiamo già dimostrato negli ultimi tempi che possiamo dare spettacolo, stiamo offrendo grandi battaglie e sono convinto che la gente aspetterà con grande entusiasmo i nostri duelli nelle finali di un torneo del Grande Slam. Quello che ci aspetta sarà emozionante" .