Uno Slam senza Federer, S. Williams e Nadal: non accadeva da 24 anni



by   |  LETTURE 2380

Uno Slam senza Federer, S. Williams e Nadal: non accadeva da 24 anni

Nessuno tra Serena Williams, Roger Federer e Rafael Nadal prenderà parte al prossimo US Open. Sessantatré trofei slam da spartirsi dal lontano 1999, anno in cui, proprio sul cemento di Flushing Meadows, la tennista americana dava inizio a una serie di successi che l'avrebbero portata a dominare il circuito femminile per gli anni a seguire, proprio mentre lo svizzero debuttava nel circuito slam in quel di Melbourne.

Insomma, molti di quelli che oggi si ritrovano a giocare contro queste leggende, non erano ancora nati l'ultima volta che nessuno dei tre prendesse parte a un tabellone del Grande Slam. Infatti, per trovare un evento simile bisogna tornare indietro fino al 1997, senza spostarsi di molto geograficamente: fu proprio lo US Open di quell’anno l'ultimo slam senza nessuno tra Roger, Serena e Rafa.

Che sia arrivata la fine di un’era, questo ancora non è dato saperlo. Tre forfait per infortunio, certo, possono essere il segnale che l'unico avversario imbattibile, anche per loro 3, è il tempo. Un lento ed inesorabile scorrere che pone tutti di fronte alla verità: l'epoca in cui Londra e Parigi avevano i suoi certi Re, così come tutto il circuito femminile, sta finendo.

O, addirittura, è già finita.

L'ultimo Slam senza Williams, Federer e Nadal

Tornare indietro di 24 anni e guardare i tabelloni di quell'edizione degli US Open ci fa ricordare di nomi meno conosciuti e alcuni, invece, di quelli che la storia del tennis l'avevano scritta prima che quei 3, con la complicità anche di Novak Djokovic, decidessero di frantumare qualsiasi record sulla propria strada.

Quell'anno, per quanto riguarda il femminile, una Williams non mancò l’appuntamento: Venus, sorella di Serena, perse una finale senza storia contro la connazionale di Roger Federer Martina Hingis (6-0 6-4), preannunciando una dinastia che sarebbe passata alla storia.

Nel maschile, invece, fu l’australiano Patrick Rafter ad imporsi sul britannico Rusedski, in 4 set. Il primo dei due US Open consecutivi vinti da Rafter. Un cerchio che si chiude, quindi: da New York a New York. Dalla Hingis e Rafter a un cannibale che vuole portarsi via tutto e fare un qualcosa che non è mai riuscito né alla Williams, né a Federer e neanche a Nadal: il grande slam.

Anche se dopo 24 anni saremo costretti a vedere un tabellone senza di loro, Novak Djokovic proverà a far ricordare questo US Open per un altro motivo e scrivere definitivamente la fine di un'era che ha tenuto milioni di tifosi attaccati alla televisione. Photo credit: Getty Images.