Roger Federer svela quali sono i suoi obiettivi dopo il ritiro



by   |  LETTURE 8584

Roger Federer svela quali sono i suoi obiettivi dopo il ritiro

Roger Federer ha ufficializzato qualche giorno fa la sua assenza al Masters 1000 di Cincinnati e nei prossimi giorni prenderà la decisione ufficiale riguardo gli Us Open. Da due anni a questa parte il campione elvetico è alle prese con costanti problemi al ginocchio e lo abbiamo visto in campo sempre più di rado.

Il tennista elvetico conserva insieme a Novak Djokovic e Rafael Nadal il record di titoli del Grande Slam con 20 Slam all'attivo ed un sentimento unico per i Big Three. In occasione del suo 40esimo compleanno Roger Federer ha parlato in un'intervista raccontandosi ai microfoni di Schweizer Illustrierte, tanti aneddoti e curiosità e tanto sul suo futuro e su quello che vorrà fare dopo il ritiro.

Arrivati a questa età bisogna iniziarsi a porsi il quesito di quale sarà l'ultimo torneo, quale sarà l'ultimo incontro in carriera in cui il campione svizzero giocherà su un campo da tennis.

Roger Federer ed il post ritiro

Ecco le dichiarazioni del tennista svizzero: "I miei programmi dopo il ritiro? Beh, a dire il vero ne ho tanti. Con il tennis ho visto e vissuto tanto, ma ora voglio fare tante cose nel post ritiro.

Mi piacerebbe andare a vedere i Fiori di ciliegio a Tokyo, vedere dal vivo le finali Nba e NFL, fare varie esperienze senza aver bisogno di pensare ai miei allenamenti. Inoltre voglio vedere tanti parchi naturali e sicuramente li vedrò insieme a Mirka ed ai miei figli.

Mi piacerebbe imparare a suonare il sassofono e iniziare a sciare, questa era una mia passione che io terminai a 12 anni. Mi piacerebbe poi provare lo snowboard e le immersioni subacquee. Quali sono le cose che mi rendono più orgoglioso? Penso che la gente non possa immaginare quanto sia difficile unire la tua famiglia, i tuoi figli e la tua carriera sotto lo stesso tetto, a volte dubito che tutto questo sia cosi perfetto.

Sono sempre riuscito a tenere la mia famiglia fuori dai riflettori del circuito e non lo avrei immaginato neanche io, sono davvero orgoglioso di tutto cio quello che ho fatto e che riguarda me, Mirka e la mia famiglia"