Schwartzman: "Sogno di vincere Indian Wells battendo Roger Federer in finale"



by   |  LETTURE 3864

Schwartzman: "Sogno di vincere Indian Wells battendo Roger Federer in finale"

Dopo un grandissimo 2020 – impreziosito dalla qualificazione alle ATP Finals di Londra – il rendimento di Diego Schwartzman è sceso in questo 2021. L’argentino ha accusato un fisiologico calo negli ultimi mesi, pur avendo raggiunto i quarti di finale al Roland Garros poco tempo fa.

Reduce dal terzo turno centrato alle Olimpiadi di Tokyo, il giocatore sudamericano è tornato in campo questa settimana sul cemento di Toronto. Poco prima del suo esordio nella capitale dell’Ontario, il numero 14 del mondo ha concesso una lunga intervista per il sito dell’ATP.

In occasione della kermesse a cinque cerchi, Diego si era lamentato duramente per le condizioni di gioco. “È davvero complicato giocare a tennis con 40 gradi ogni singolo giorno. Torno a casa molto arrabbiato, è inammissibile giocare in queste condizioni, più che partite di tennis sembrava di assistere a ‘The Walking Dead’.

È un peccato che ciò avvenga in una manifestazione importante come le Olimpiadi” – aveva sentenziato ‘El Peque’. Intervistato dall’ATP, Schwartzman ha svelato il suo Masters 1000 preferito e ha espresso un sogno riguardante Roger Federer.

Schwartzman confessa il suo amore per Roma

“Scelgo il Masters 1000 di Roma perché ho fatto davvero bene lì negli ultimi due anni e adoro la città” – ha confidato Schwartzman. Diego ha ricordato anche il suo debutto in un Masters 1000, avvenuto a Indian Wells nel 2015.

“Quando ho visto il tabellone, sapevo che c’era la possibilità di incontrare Roger Federer al secondo turno. Ho avuto un match durissimo all’esordio contro Jerzy Janowicz, che stava facendo molto bene in quel momento.

È stata una battaglia tremenda, mi sembra di aver vinto 7-6 al terzo ed ero molto nervoso alla fine. Il mio sogno è vincere Indian Wells battendo Federer in finale”. Il tennista albiceleste ha raggiunto la finale a Roma lo scorso anno: “Mi viene in mente soprattutto la partita contro Denis Shapovalov.

Lui ha servito per la vittoria, ma alla fine l'ho spuntata io per 7-6 al terzo. Quel torneo mi ha aiutato ad entrare nella Top 10 per la prima volta in carriera”.