Gasquet: "Non conta il numero di Slam, è Roger Federer il GOAT"



by   |  LETTURE 11812

Gasquet: "Non conta il numero di Slam, è Roger Federer il GOAT"

Gli ultimi due anni sono stati una vera e propria agonia per i fan di Roger Federer. Il campione svizzero ha disputato pochi tornei abbattuto da un duplice intervento al ginocchio che lo ha frenato e dalla maledetta pandemia che nell'ultimo anno e mezzo ha costretto diversi atleti a restare a casa.

A causa di questa situazione le possibilità di vincere il ventunesimo Slam del campione svizzero si sono ridotte notevolmente ed i numeri del tennista sono impietosi. A Wimbledon Roger è arrivato ai Quarti di finale dove si è arreso nettamente al polacco Hubert Hurkacz mentre ha dovuto addirittura dare forfait ai Giochi Olimpici di Tokyo 2021.

I problemi fisici del tennista elvetico sono all'ordine del giorno e Roger ha dovuto nella giornata di ieri dare forfait anche ai Masters 1000 di Toronto e Cincinnati. La situazione è evidentemente non delle migliori e c'è preoccupazione anche riguardo la sua partecipazione ai prossimi Us Open, in programma il prossimo 30 Agosto.

Qui Novak Djokovic potrà fare la storia visto che in caso di vittoria vincerà il quarto Slam su quattro e completerà il Grande Slam.

Gasquet e le parole per Roger Federer

L'esperto tennista francese Richard Gasquet ha rilasciato interessanti dichiarazioni riguardo il campione svizzero Roger Federer.

Ecco le sue parole: "Vedo il tennis in modo diverso, ho sempre detto che per me non contano il numero di titoli del Grande Slam. Se ad esempio vediamo un tennista a 21 e l'altro a 22-23 credo che deve valere anche l'estetica e tutto ciò che emani in campo.

Sento spesso di questa corsa Slam per il GOAT ma credo sia inutile. È Roger Federer il GOAT, il più grande tennista di tutti i tempi, basta vedere l'estetica e la grazia che ha in campo. Guardo il tennis per l'estetica e per la bellezza, anche Novak Djokovic e Rafael Nadal sono tra i migliori e sicuramente tennisti straordinari.

Non mi piace discutere di pro Federer e pro Djokovic, io non sono così e mi piace anche Nole. Quando guardi Roger resti sbalordito, è un po' come quando guardi Messi e Neymar, hanno grande estetica e le sensazioni che danno sono straordinarie"